8 dicembre 2016

Arriva il bel tempo, è ora di tornare in sella

Diciassette anni sono tanti, ma diventano quasi un’epoca se prendiamo in esame il settore delle gomme per moto, in costante evoluzione per seguire i progressi tecnologici e, soprattutto, soddisfare le esigenze degli appassionati delle due ruote.

Basti semplicemente pensare che allora Internet non era quasi per nulla diffuso, mentre oggi il web è uno dei principali canali di acquisto oltre che dimetzeler-tourance-150-70-r17-69v informazione, come testimonia il successo di Euroimport Pneumatici, che vanta un esteso magazzino di prodotti delle migliori marche in commercio, tra cui spiccano le tre generazioni della famiglia Metzeler Tourance, lanciata proprio sul finire del millennio e che ancora oggi domina il comparto delle moto enduro street e adventure touring grazie a prodotti sempre di qualità.

Ancora primo equipaggiamento. Negli ultimi mesi, il brand tedesco ha messo a segno altri due importanti colpi nel suo già ricco carniere, aggiungendo la BMW R 1200 GS e la Triumph Tiger Explorer all’elenco dei primi equipaggiamenti previsti per gli pneumatici enduro street Metzeler Tourance Next.

Nello specifico, questa gomma si è rivelata un vero e proprio successo, come testimoniato anche dalle valutazioni e dai test comparativi effettuati da organismi indipendenti come la rivista specializzata Motorrad (che nel 2013 le ha incoronate come il prodotto migliore tra gli enduro), grazie a una serie di innovazioni tecniche, di design e di struttura, a partire da una mescola differente per l’anteriore e il posteriore.

Dallo studio alla strada. I tecnici di Metzeler hanno sviluppato uno pneumatico anteriore monomescola, con alta percentuale di silice abbinata a polimeri e resine scelti per fornire miglioramenti per gli aspetti di maneggevolezza e grip, attraverso un rapido riscaldamento della miscela che aderisce al meglio sia sull’asciutto che sul bagnato.

Al posteriore, invece, è stata adottata una soluzione bimescola, combinando nella sezione centrale la silice, che ottimizza il chilometraggio e la stabilità di guida, con polimeri sintetici a elevate prestazioni e ad agenti plastificanti e nuove resine, mentre sulle spalle è presente un mix differente, con maggior incidenza di silice per aumentare l’aderenza sul bagnato e ridurre il pericolo di slittamento.

Non piove sul bagnato. Gli pneumatici Metzeler Tourance Next impongono dunque un nuovo standard per i biker enduro e touring, per i quali l’aderenza sul bagnato è fondamentale così come la sicurezza generale: oltre al citato sistema di mescole, infatti, anche le scanalature del battistrada sono state studiate e disposte in modo ottimale per  garantire la massima resa in ogni condizione e, soprattutto, dare al pilota la sensazione di poter essere tranquillo anche quando l’asfalto è sporco e scivoloso, garantendo un’ottima stabilità anche a velocità elevate e con la moto caricata di un passeggero.

Altra caratteristica importante (e interessante anche per le tasche), l’elevato chilometraggio e la resistenza all’usura, che consentono dunque di poter effettuare lunghi viaggi senza preoccuparsi immediatamente del cambio gomme.

Una famiglia vincente. Era il 1999, come detto, quando Metzeler lanciò il primo modello della famiglia Tourance, sostituito poi nel 2007 dall’aggiornamento Metzeler Tourance Exp, che però non è ancora pronto per la pensione: il secondogenito, infatti, continua a difendersi bene dalla concorrenza (anche quella interna), e ad essere apprezzato dai motociclisti.

Merito delle soluzioni tecniche adottate, ma anche dell’intelligente e innovativo sistema di lancio del prodotto: nella primavera di ormai nove anni fa, l’azienda tedesca organizzò infatti un evento speciale, denominato “EXPerts on the road 2007”, nel quale una carovana di 40 motociclisti in sella a maxi enduro equipaggiate appunto con gli pneumatici Metzeler Tourance Exp ha attraversato l’Europa in quattro giorni, con partenza da Barcellona e arrivo a Torino tra slalom sui Pirenei, passeggiate lungo la Costa Azzurra e il suggestivo percorso della Route de Napoleon, che ha dimostrato l’affidabilità e la qualità delle gomme montate.