5 dicembre 2016

Napoli, De Magistris: “Dialogo con Renzi su Bagnoli, si stanno facendo dei passi avanti”

Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) nel corso del programma ECG Regione, per tracciare un bilancio del suo operato.

In merito allo scontro con Renzi sulla bonifica di Bagnoli. “Con Renzi nessun battibecco, è una questione istituzionale seria –ha affermato De Magistris-. Vogliamo rilanciare Bagnoli, nel rispetto dell’ambiente, della città, attraverso un dialogo che possa essere il migliore possibile col governo nazionale e regionale. Renzi ha provato ad espropriare Bagnoli con un commissariamento che annulla i poteri istituzionali della città, questo non è accettabile. Ci sono dei no e ci sono dei sì, ma sono convinto che si stanno facendo dei passi in avanti. Napoli è una città che abbatte mura e filo spinato, noi siamo per il dialogo istituzionale sempre, ma nello stesso tempo siamo per preservare la nostra autonomia e se si calpesta la Costituzione abbiamo il dovere di dirlo e di denunciarlo. Non ci devono essere prevaricazioni da parte di chi si sente al di sopra di ogni cosa”.
Sulla sua ricandidatura a sindaco. “A Napoli ci sono ancora molte cose da fare, per questo abbiamo deciso di ricandidarci –ha spiegato De Magistris-. Quando 5 anni fa iniziavo la campagna elettorale, Napoli era sommersa di rifiuti, senza turisti. Oggi non ha più rifiuti, è la città più cresciuta in termini di turismo, ed ha una grande forza culturale. E’ un’altra Napoli, su cui comunque dobbiamo ancora lavorare. Finora abbiamo governato senza soldi e con un deficit spaventoso. Voto alla mia giunta? Lo  faccio dare ai cittadini, non dò grande peso nemmeno ai sondaggi. Meritiamo di essere confermati secondo me, perché abbiamo governato con onestà e abbiamo sicuramente migliorato Napoli rispetto a 5 anni fa. I frutti del lavoro seminato stanno emergendo, quindi dobbiamo continuare con la serietà di questi anni, incidere sul decoro, sulla quotidianità della vita. Nelle piccole cose, nel quotidiano, dobbiamo migliorare”.

Un commento sui suoi sfidanti. “Rispetto tutti gli avversari politici –ha affermato De Magistris-. Chiunque si candida a fare il sindaco di una città in questo momento storico, in particolare a Napoli, merita apprezzamento. Brambilla non avrei voluto averlo come avversario perché tante lotte che sta facendo il M5S, noi le abbiamo realizzate, ad esempio l’acqua pubblica e il no agli inceneritori. Su questo mi avrebbe fatto piacere viaggiare insieme. Lettieri sta dimostrando in campagna elettorale di non avere nessun tipo di amore per la città. Mentre Napoli è avvolta da turisti ed energia vitale, lui continua a fotografarla come la peggiore città del mondo, in consiglio comunale è stato il più assenteista. La Valente è la gemmatura di quelle primarie del Pd che abbiamo visto, di quella classe politica. Era assessore con la giunta Jervolino, negli anni dell’immondizia e dello spaventoso deficit di bilancio. Io sono completamente alternativo alla coppia Valente-Lettieri, tra noi c’è un oceano. Con Brambilla invece si potrebbe ragionare, però per governare una città come Napoli non basta mettere un clic o un mi piace sui social, serve anche una conoscenza del territorio che per ora Brambilla secondo me non ha”.

I suoi progetti futuri. “Ho sempre voluto fare il magistrato –ha affermato De Magistris-. Poi hanno strappato la toga di pm dicendo che ero incompatibile con la Calabria perché indagavo su ‘ndrangheta, massoneria, politica e affari. E da allora io non programmo più la mia vita. Adesso faccio il sindaco, la politica mi sta entusiasmando, la grandissima partecipazione popolare che vedo, la gente che si sta appassionando e si sta riappropriando dei suoi spazi. Spero di fare politica da prossimo sindaco di Napoli, ma la farei in ogni caso nella mia città”.

Berlusconi come Batman, Giachetti come Jeeg Robot. “Io non ho mai avuto questo mito dei supereroi –ha spiegato De Magistris-. A me piace molto stare tra le persone, le persone normali, quelle senza potere, umili, quelle che quando facevo il magistrato ed ero isolato dalle istituzioni, mi incontravano e mi davano una pacca sulla spalla. Così come nel momento difficile da sindaco mi dicevano di non mollare. Il mio supereoe è la gente normale”.

Se il Napoli vincesse lo scudetto. “Magari! –ha affermato De Magistris-. E’ difficile perché la Juve, con un po’ di fortuna, con un po’ di aiuti e di esperienza, non molla. Però bisogna crederci, i 3 punti si recuperano in un battito d’ali di farfalla. Mi tingerò i capelli di azzurro se vincessimo nel giorno dello scudetto”. 

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=7567

Fonte: Radio Cusano Campus