10 dicembre 2016

Ciarambino: “Chiamarli impresentabili è troppo poco”

Carlo Iannace, consigliere regionale eletto nella lista “De Luca Presidente”, oggi è stato condannato a 6 anni di reclusione e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici per peculato e tentata truffa, a quanto si legge sulla stampa.

Questa è la gente che De Luca ha portato in Consiglio regionale.

Ma ciò che mi suscita un’indignazione rabbiosa sono i reati di cui questo personaggio si sarebbe macchiato: ricoveri e interventi di chirurgia estetica, come mastoplastiche e liposuzioni, venivano spacciati, secondo l’accusa, per interventi oncologici, falsificando la documentazione. Operazioni eseguite a spese del sistema sanitario, nell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino dove Iannace era responsabile dell’unità senologica.

Ora mi chiedo: mentre la nostra gente muore perché la sanità non funziona, le liste d’attesa sono infinite, i posti letto sono insufficienti e pure le sale operatorie e il personale sanitario, chiamare peculato e tentata truffa i reati di cui questo figuro si sarebbe macchiato vi sembra il nome giusto?

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.