4 dicembre 2016

Conte: “La squadra ha dato tutto, ora faremo le valutazioni”

MILAN, ITALY - SEPTEMBER 14: Juventus FC manager Antonio Conte looks on before the Serie A match between FC Internazionale Milano and Juventus FC at San Siro Stadium on September 14, 2013 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

“Lo avevo detto che servivano questi test per fare delle valutazioni e verificare la nostra competitività, in questi giorni abbiamo incontrato i migliori, come Spagna e Germania. Abbiamo visto e lavorato, i ragazzi hanno dato quello che c’era da dare, adesso faremo le valutazioni”: sono le prime parole di Antonio Conte dopo la sconfitta di Monaco.

“Non c’ erano trionfalismi dopo la Spagna – aggiunge il Commissario tecnico – sappiamo che c’è un gap da colmare. Adesso aspettiamo e cercheremo di prendere i migliori. Per giocare su ritmi alti, una certa intensità ce la devi avere nelle gambe. Qualcuno ha pagato lo sforzo di venerdì, lavoriamo e vediamo cosa accade. Vedremo il campionato e le indicazioni che ci darà, vedremo chi sta meglio e poi faremo le convocazioni. Il fatto che si sia fatto male Bonucci ha un po’ alterato la situazione delle sostituzioni”.

Per Montolivo sono poche le cose da salvare di questa serata. “Non c’è molto da salvare – ammette – ci aspettavamo di fare una prestazione diversa, un risultato diverso. Ma se non bisognava fare trionfalismi dopo la Spagna, non c’è da fare drammi adesso. Ci vuole equilibrio, abbiamo affrontato la squadra più forte del mondo, il gap c’è e bisogna lavorare per colmarlo”.

“Siamo stati disattenti in alcune occasioni – prosegue l’azzurro – abbiamo commesso errori gravi che a questi livelli si pagano e poi diventa difficile recuperare le partite. Io ho avuto la palla per riaprire la gara sul 2-0, ma non c’è dubbio che dobbiamo migliorare su tanti aspetti, le giocate sono venute meno bene rispetto alla gara con la Spagna. Ora dobbiamo andare avanti, credendo nel lavoro del nostro allenatore”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.