10 dicembre 2016

Calcio – I° Categoria, Città di Anagni, rammarico della società per l’eccessivo allarmismo in vista della sfida con la Sgurgolanagni

Domenica prossima, 3 aprile, si disputerà la partita Città di Anagni – Sgurgolanagni, allo stadio comunale Del Bianco. E’ corretto ricordare che l’incontro di domenica sarà la tredicesima partita casalinga di questa gloriosa stagione per la compagine biancorossa di Città di Anagni. Tredici incontri disputati al Del Bianco, in cui non c’è stato mai alcun episodio di violenza, risse, tafferugli, episodi critici da richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Si apprende con rammarico di quanto falso allarmismo si stia creando intorno a una partita di campionato di Prima Categoria. Sarebbe un bene per la comunità rispettare un clima di perfetta tranquillità sportiva. Lo stadio Roberto Del Bianco è un impianto sportivo omologato per giocare campionati di serie D. Sul vociferare di voler far giocare la partita a porte chiuse è giusto sottolineare e ricordare la struttura che fa dello stadio comunale anagnino uno dei più sicuri. Due tribune: locali ed ospiti, opposte, con entrate separate. Non me ne vogliano le squadre che giocano con sacrificio i campionati di Prima Categoria, ma non hanno un seguito di tifosi così numeroso da creare un particolare disagio per la sicurezza pubblica. Consideriamo pure che nella partita di domenica, gli spettatori di Città di Anagni e Sgurgolanagni saranno pressappoco anche gli stessi. Nella partita di andata nessun problema tra le due tifoserie sistemate nella stessa tribuna. Se si vuol far riferimento all’episodio accorso nella trasferta di Casalvieri, in cui un petardo gettato al lato della tribuna ha procurato panico, è bene ricordare che non si trattava di una bomba carta e assolutamente non gettato in campo e soprattutto, episodio che non doveva succedere, ma singolo ed isolato. Non parliamo di avvenimenti abituali, tali da far pensare che una semplice partita possa causare problemi di disagio totale.  Inoltre sembra esagerato che la questione legata alla partita di domenica prossima, venga trattata dall’Osservatorio Nazionale Manifestazione Sportive del Ministero dell’Interno. Se proprio esiste un infondato timore, in via del tutto precauzionale si potrebbe decidere, come estrema ipotesi, il divieto di assistere alla gara ai tifosi ospiti. La comunità in questo momento ha bisogno di tranquillità e non di allarmismi esagerati. Tutto questo improvviso interessamento da parte dei media appare alquanto esagerato, in quanto non si è mai parlato dei successi della squadra Città di Anagni. Eppure sta disputando un campionato eccellente.

Anna Ammanniti