9 dicembre 2016

Rugby – Lirfl, gli Hammers Umbria alzano la Coppa Italia al cielo di Artena

Il primo titolo stagionale va a una debuttante. La Coppa Italia organizzata dalla Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl) è finita nelle mani degli Hammers Umbria, alla prima esperienza in una competizione ufficiale. Il verdetto è arrivato nel sabato pre-pasquale, presso il bell’impianto sportivo in località Macere di Artena. Gli umbri allenati da Andrea Tagliavento hanno avuto la meglio in finale sui capitolini degli Usag Gladiators, detentori del trofeo) e in precedenza avevano “escluso” dall’ultimo atto le altre due partecipanti alle finali nazionali, vale a dire i toscani dei Pumas di Firenze e gli abruzzesi del L’Aquila Neroverde. E’ stato un grande pomeriggio di rugby league quello vissuto nel paese in provincia di Roma: nell’ultimo atto la squadra umbra ha avuto la meglio per tre mete (e una trasformazione) a una sugli Usag Gladiators al termine di una gara estremamente combattuta. «Un successo che ci riempie di orgoglio – dice il terza linea centro classe 1990 Giacomo Franzoni, capitano della Nazionale e uno dei fondatori degli Hammers -, a maggior ragione se si pensa che molti dei nostri giocatori erano alla prima esperienza di rugby league. Avevamo vinto anche il concentramento “interregionale” e non pensavamo che potessimo essere competitivi ai massimi livelli anche nelle finali nazionali. A questo punto, allora, siamo curiosi di capire nel prossimo campionato che figura potremo fare…». La finale, per lui, ha avuto un sapore particolare. «Sono un ex Gladiators e sicuramente averli di fronte è stato un po’ strano, ma questo è lo sport – dice il forte giocatore degli Hammers Umbria – Poi sapevo che sarebbe stata una finale dura per noi conoscendo lo spessore dei miei ex compagni, ma ce l’abbiamo fatta giocando con grande determinazione». Molto felice anche il tecnico della squadra umbra Andrea Tagliavento. «Il nostro primo obiettivo in queste finali di Roma era quello di divertirci, poi è arrivata la vittoria e per noi è stata una grande soddisfazione visto che siamo al primo anno di attività. Abbiamo formato una squadra che è composta da giocatori provenienti da tutta l’Umbria e riuscire a farli diventare un gruppo in così breve tempo non era semplice. Smaltita la soddisfazione per questo successo, inizieremo a preparare l’impegno del campionato» conclude il coach.