Verso Germania-Italia. Conte: “Giocheremo contro i migliori: rispetto, ma non paura”

“Giocheremo contro i migliori con massimo rispetto, ma senza alcuna paura”. Si mostra tranquillo, Antonio Conte, alla vigilia della seconda amichevole di lusso nel giro di sei giorni. Da una grande all’altra, dalla Spagna alla Germania, che gli Azzurri affronteranno domani all’Allianz Arena di Monaco (ore 20.45) nell’ultimo tratto di strada che porta all’Europeo. Due test di rango voluti dal Commissario tecnico per testare le condizioni della squadra e in particolare il comportamento e le reazioni dei più giovani alle prese con i primi appuntamenti internazionali con la maglia azzurra.
“La sconfitta della Germania contro l’Inghilterra – continua Conte -non ci favorisce, saranno determinati e arrabbiati, ma è esattamente quello che volevo con questi due test. Abbiamo scelto due squadre top proprio per metterci alla prova e capire dove siamo. Sono partite importanti per vedere le risposte di alcuni ragazzi molto giovani che hanno poca esperienza internazionale, sarà un test significativo come lo è stato quello con la Spagna. Questa è l’ultima amichevole che ho a disposizione per fare certe valutazioni su ragazzi che si stanno affacciando per la prima volta a partite di questo livello. E’ facile esaltare un giocatore dopo una prestazione, ma c’è bisogno di conferme, io cerco quelle perchè tra un mese e mezzo dovrò fare la lista dei convocati e per me sarà importante avere risposte domani così come le ho avute contro la Spagna”.
Su questi concetti insiste Conte nella conferenza stampa della vigilia: le risposte che attende dalla squadra, le scelte legate ai convocati dell’Europeo. “C’è ancora qualche posto da assegnare – spiega – anche se ho delle idee ben precise, c’è qualche valutazione da fare da qui alla fine del campionato”. E sulle convocazioni di Thiago Motta e Jorginho assicura che non sono state dettate dall’emergenza: “volevo testare le loro qualità di persona,  ora che li ho visti e li conosco c’è il rammarico di non averli avuti a disposizione per tre giorni di fila”.
Tanti complimenti dopo la gara con la Spagna, ma Conte non dimentica certe critiche. “Non penso che una
partita contro la Spagna possa far cambiare totalmente i giudizi”.
Non cambierà il modulo rispetto alla gara con la Spagna; anche domani a Monaco squadra a tre punte, ma stavolta Conte darà spazio ai più giovani, al trio Bernardeschi-Zaza-Insigne: “E’ l’ultima gara che ho a disposizione per fare le mie valutazioni, è importante testare certi giocatori rispetto ad altri che si conoscono meglio e hanno più esperienza”.
E tra due mesi e mezzo l’Europeo: “Quando ho assunto la carica di ct, ho detto che la nostra forza sarebbe stata quella di essere una squadra e non una selezione e in questa direzione abbiamo lavorato. Devo ringraziare tutti i calciatori perché da parte loto ho sempre trovato grande voglia e responsabilità; quando dico che sono delle spugne è perché questo è quello che mi ha sorpreso di più, sono andati oltre le mie aspettative. Non so cosa faremo all’Europeo, ma qualunque risultato otterremmo so che avremo dato il massimo”.

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8375 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.