8 dicembre 2016

Roma – Movimento Salvaciclisti: “La nuova campagna del MIT su chi va in bici è sbagliata”

 

Ci sono alcuni aspetti che vorremmo far risaltare, e che troviamo non siano stati messi in piena luce dalle cronache. Partiamo da ciò su cui si sono concentrati maggiormente i media: lo scontro provocato da una donna alla guida di un Suv ha concretizzato per la prima volta la nuova fattispecie di omicidio stradale.

Questo perché la modifica alla normativa è entrata in vigore alla mezzanotte tra il 24 e il 25 marzo. Lo scontro si è verificato nella mattina del 26 marzo. Poche ore dopo l’entrata in vigore della norma, dunque.
Noi troviamo che non si tratti di casualità ma dell’evidenziazione di quanto accade ogni giorno sulle strade italiane: persone alla guida di automobili, di cui abusano trasformandole in armi, uccidono altre persone.

In questo caso la fattispecie si è concretizzata:
– a Roma
– il morto è un ciclista
– la persona alla guida era sobria.

Noi insistiamo a voler fare ragionare -non abbiamo perso la speranza- l’intero paese su questi elementi: nella capitale italiana si concentra il massimo numero di persone e di automezzi privati d’Italia; il numero di automezzi privati è il più alto d’Europa (il Lussemburgo non va considerato, perché le auto immatricolate lì girano per la massima parte in altri paesi); l’abuso costante e inalterato negli anni di questi automezzi privati (peraltro sempre più grossi, pesanti, potenti, guidabili anche da un minus habens: una miscela letale) porta a un numero sempre maggiore di contatti con altri mezzi o persone.
Inoltre: il battage mediatico precedente all’approvazione dell’omicidio stradale s’era concentrato totalmente sugli stati alterati di coscienza alla guida (“pene aumentate per chi si mette alla guida ubriaco o drogato”): ebbene, la persona che ieri ha ucciso era sobria. Come nella massima parte dei casi in cui si lascia il morto sull’asfalto.

Come in parte già detto, in Italia c’è un fallimento sociale nella percezione della realtà stradale: troppe automobili, condotte troppo velocemente da persone assolutamente normali. Il nodo è tutto qui. Il morto ci scappa sempre, non c’è bisogno di invocare il drogato, il pazzo, l’ubriaco. Chiunque può essere l’assassino, anche i nostri normalissimi cari.

Nel frattempo, a margine ma mica tanto, rileviamo che la nuova campagna sulla sicurezza stradale del ministero dei Trasporti ha prodotto dei buoni spot (sia video sia audio) in cui vengono fatte recitare degli attori che impersonano vittime morte in strada. Uno di questi, quello dedicato ai ciclisti, ci ha particolarmente colpito.

Giorgia, la vittima, ha scelto una vita bucolica in campagna e usa la bici. Il suo unico rimpianto è di non aver acceso le lucine della bici e dunque è morta. Ancora una volta traspare la generale rimozione italiana sull’utente della bici: il messaggio è che Giorgia sia morta per colpa sua. Non per l’automezzo che l’ha schiacciata. Chiedendo al ministero di rifare lo spot, ne abbiamo spiegato così, sulla pagina Facebook del Mit, le ragioni:

E’ buona e necessaria questa campagna del MIT sulla sicurezza stradale. Ma questo spot è sbagliato e fallisce il suo obiettivo.

E’ sbagliato nelle premesse perché non esiste alcuna relazione riconoscibile, né certificata, fra il non uso delle segnalazioni luminose e gli omicidi stradali compiuti a danno di chi si sposta in bicicletta.

E’ sbagliato nel suo intento pedagogico perché non insegna a chi usa la bici alcunché di utile riguardo la sicurezza personale (cosa che invece accade per gli automobilisti destinatari degli altri spot). Chi usa la bici sa che le nostre strade sono sovrasature di pericoli potenzialmente letali e l’attenzione a tutto ciò che accade intorno (cioè protezione attiva) è la prima imprescindibile misura di sicurezza da adottare, addirittura prima delle luci e del caschetto (cioè protezione passiva, quella utile per chi usa l’automobile e si protegge dentro un involucro di acciaio).

E’ sbagliato sotto il profilo della comunicazione perché fornisce ai principali destinatari della campagna – gli automobilisti – l’ulteriore, non richiesto e non necessario, alibi di de-responsabilizazione e di ignobile colpevolizzazione della vittima: sei un ciclista, non hai le luci, te la sei cercata.

Spiace che il MIT abbia sentito la necessità di incappare in questo passo falso all’interno di una doverosa campagna di comunicazione sulla sicurezza nelle strade.

Ad ogni modo, lo spot può essere ancora eliminato dalla campagna di comunicazione, e il Ministero farebbe bene a farlo.

Fonte: salvaciclisti.it