4 dicembre 2016

Problemi d’amore? Ci pensa Chiara!

Chiara  Gamberale è l’autrice cult  dei giovani con cuori tormentati. Conclusa la sua ultima fatica editoriale, il romanzo “Adesso”si sottopone all’assalto caloroso dei fans che  accoglie  e disciplina pilotando il folto gruppo dei “firmacopisti” in una zona ad hoc del teatro Diana.

Cerco il momento giusto per avvicinarla, ma lei che si è allontanata per pochi minuti mi scivola alle spalle uscendo da una porta laterale. Manca solo che mi faccia marameo, ti ho fregato! O.K. niente interviste dirette, c’è chi aspetta da più di un’ora. Mi siedo fra una ragazza, che subito mi comunica di averla intervistata telefonicamente e di trovarla una bella persona (concordo), e un giovanotto che mi sbatte il suo orologio  costoso sotto il naso ogni trenta secondi. Ha occhi solo per lei che si è appena sistemata con accanto l’amica cantautrice Erica Mou  di cui ascolteremo alcuni brani.

I misteri dell’innamoramento  e del disamoramento attraversano  i libri di Chiara Gamberale, ricordiamo: Una vita sottile, La zona cieca e  il famoso Per dieci minuti diventato un simpatico tormentone in cui sosteneva che bastano dieci minuti al giorno dedicati ad un obiettivo per realizzarlo. Perchè il successo dei suoi  romanzi deriva dal fatto che sono  anche utili, trovi delle risposte agli enigma dell’amore e pure la lista dei documenti se ti devi separare e non vuoi farlo tanto saper in giro!

Non solo questo, trovi rispecchiate paure e indecisioni, ambivalenze che non sono falsità, scelte che vanno fatte adesso e voglia di rimandarle all’infinito. Si sofferma intelligentemente sui particolari. La stessa cosa, come ad esempio la chiave che gira nella porta alla sera, può darci gioia se siamo ansiosi di riabbracciare il nostro amore o fastidio, se non lo sopportiamo più, Oh no  è lui, invece di é lui, finalmente.

Arriva il momento delle domande, la mia un pò “pizzica”, ma lei è brava a rilanciare. Le chiedo: si parla di lei come una guida per le donne come Fabio Volo lo è per gli uomini. Il paragone la infastidisce? Sbarra gli occhi divertita e solo un pò seccata: “chiediamo anche il parere di Volo”. Non insisto. Spiega che non le interessa dare suggerimenti o consigli soltanto raccontare come vive i sentimenti  la generazione attuale. Pure questa è fatta, ci alziamo. La ragazza accanto  saluta dicendomi alla prossima come se fosse stabilito che ci vedremo a tutte le presentazioni, il giovanotto  in silenzio tira il polsino della camicia sull’orologio. Mi avesse fatto vedere almeno la marca, niente. C’è chi indugia, un ultima battuta Chiara, dai! Lei indecisione zero con gentilezza stabilisce: dopo questa copia, basta. Anche l’amore e i suoi problemi rispettino gli orari. Esco con un gruppo di ragazzi, uno zittisce gli altri: è  stabilito andiamo a tutte le presentazioni, qualunque sia la città.

Turismo letterario,  perche no?