Politica monetaria espansiva ma credito alla imprese in calo

La politica monetaria espansiva sta manifestando alcuni limiti evidenti nel combattere la deflazione e sostenere la domanda di credito. In tal senso la Bce nella riunione dello scorso 10 marzo ha deliberato un ulteriore stimolo monetari: azzeramento dei tassi di riferimento, aumento da 60 a 80 miliardi di euro al mese di acquisti di titolinell’ambito del QE-Quantitative easing – con acquisti allargati alle obbligazioni delle società non bancarie – ed infine il rafforzamento delle operazioni di rifinanziamento a lungo termine finalizzate (TLTRO II, Targeted Longer-Term Refinancing Operations) con erogazioni al sistema bancario che potranno arrivare fino al 30% dello stock di prestiti idonei.

Mentre l’obiettivo delle autorità di politica monetaria è di “assicurare il ritorno dell’inflazione verso livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine“, persistono condizioni di deflazione: a febbraio 2016 nell’Eurozona i prezzi sono in calo dello 0,2% ed analoga tendenza si registra in Italia. Su base annua nel 2016 è previsto in Italia un tasso di inflazione dello 0,3% che comprime la crescita attesa del Pil nominale e mette a rischio la riduzione del rapporto debito/PIL prevista per quest’anno. Sul fronte del credito alle imprese si osserva che le precedenti operazioni di rifinanziamento finalizzate (TLTRO I) hanno avuto effetti limitati: dal loro avvio, a settembre 2014, a gennaio 2016 iprestiti lordi alle società non finanziarie – escluse le famiglie produttrici – sono scesi di 31,8 miliardi di euro, pari al 3,9% in meno e complessivamente i prestiti ad imprese e famiglie sono in calo di 10,1 miliardi di euro (-0,7%).

Focalizzando l’attenzione sulle tendenze del mercato del credito negli ultimi dodici mesi si osserva che a gennaio 2016 i prestiti corretti con le cartolarizzazione alle imprese non finanziarie scendono dello 0,9%, peggiorando il calo di 0,7% del precedente mese di dicembre mentre per le famiglie consumatrici e produttrici lo stock dei prestiti risulta in salita dello 0,9%, migliorando il +0,8% di dicembre.

Nel dettaglio, che considera i valori al lordo delle cartolarizzazioni, negli ultimi dodici mesi si registra una crescita dei prestiti al settore privato di 1,8 miliardi di euro, combinazione dell’aumento di 20,3 milioni dei prestiti alle famiglie e un calo dei prestiti alle società non finanziarie di 18,5 miliardi. Nel segmento delle famiglie la crescita è la combinazione di un intenso aumento di 21,1 miliardi di credito al consumo (+35,1%) e di 3,0 miliardi in più di prestiti per acquisti di abitazioni (+0,8%) a cui si contrappone un calo di 3,8 miliardi dei prestiti con altro scopo; nel dettaglio l’incremento del credito al consumo risulta concentrato su scadenze superiori ad un anno (+20,8 miliardi di euro, pari al +36,1%) trend sostenuto dagli acquisti di beni durevoli, in primis le autovetture. Gli ultimi dati disponibili indicano una peggiore performance del credito per le imprese di minore dimensione e per quelle artigiane, come evidenziatodall’ultima rilevazione di Confartigianato in collaborazione con Artigiancassa.

Gli effetti positivi della politica monetaria espansiva si sono manifestati a pieno su tassi di cambio e tassi di interesse. Considerano i due principali mercati esteri extra Uem, nel 2015 il deprezzamento dell’euro nei confronti del dollaro Usa del 16,5% ha sostenuto il boom del made in Italy negli Stati Uniti, con esportazioni salite del 20,9% mentre la svalutazione del 10,0% nei confronti della sterlina inglese ha contribuito alla crescita del 7,3% delle esportazioni verso il Regno Unito.

L’espansione monetaria ha ridotto con successo i tassi di interesse chiudendo nell’autunno del 2015 lo spread sul costo del credito esistente tra le imprese italiane e quelle dell’Eurozona e che perdurava da quattro anni, anche se la tendenza più recente manifesta alcune incertezze: a gennaio 2016, infatti, il tasso di interesse sui prestiti per nuove operazioni alle società non finanziarie italiane risale al 2,03%, 21 punti base al di sopra all’1,82% pagato dalle imprese dell’Eurozona. Il tasso di interesse in Italia è sceso di 49 punti base rispetto al valore di un anno prima, il secondo calo più intenso dietro a quello della Spagna (-54 punti base) e doppio rispetto a quello dell’Eurozona (-27 punti base).

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8338 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.