4 dicembre 2016

Orientamento post diploma: possibilità e prospettive degli studenti dopo la maturità

 

Cosa fare dopo il diploma? Una domanda che comincia a balenare nella mente degli studenti soprattutto a ridosso del conseguimento del titolo di studio secondario: un momento che dovrebbe spingere lo studente verso la carriera universitaria e verso il lavoro, e che viene invece visto come l’autorizzazione ad una meritata vacanza. Che finisce per prolungarsi, e per danneggiare la carriera degli eterni indecisi.

I dati raccolti dal Rapporto Almadiploma

Secondo i dati raccolti da Almadiploma 2016, infatti, esiste in Italia una preoccupante percentuale di giovani che staccano la spina dopo il diploma, prendendosi un classico anno sabbatico che ne rallenta le carriere e ne frena le ambizioni. Secondo il rapporto, il 17% dei diplomati sceglie di prendersi un periodo di stop per riflettere sul proprio futuro, tentando magari l’accesso diretto al mondo del lavoro: un fattore che, senza una laurea, spesso offre opportunità molto limitate. Inoltre, il 31% dei diplomati ha trovato subito un’occupazione e ha preferito non proseguire con l’iscrizione all’università: sono numeri molto ingenti, che fanno capire quanti giovani in Italia non possano mettere a curriculum una laurea e, dunque, ambire ad una professione che possa consentire uno stipendio per mantenere una futura famiglia.

Il 65% sceglie l’iscrizione all’università

Stando sempre alla ricerca sopracitata, il 65% dei diplomati sceglie di iscriversi subito all’università, prendendo la decisione di proseguire con gli studi. Il 13% di costoro, inoltre, è riuscito anche a trovare un lavoro per pagarsi le spese d’iscrizione. Si tratta senza dubbio della scelta migliore per aver accesso a un mercato del lavoro più remunerativo, soprattutto da quando anche gli studenti italiani hanno scoperto la convenienza dell’iscrizione agli atenei telematici. Le università online come ad esempio la Unicusano, infatti, permettono di frequentare le lezioni alle facoltà universitarie a Roma, esattamente come si fa nelle università tradizionali, ma anche attraverso le video-registrazioni presenti sulla piattaforma di e-learning. In questo modo, chi lavora potrà frequentare coniugando la propria professione e il conseguimento di un titolo di studi fondamentale quale è la laurea. Inoltre potrà frequentare anche chi vive fuori dalla capitale, risparmiando sulle spese dei trasporti e sull’alloggio nel caso dei fuori sede, avendo comunque la possibilità di rivolgersi ai professori tramite la piattaforma di studio e di incontrarli in sede o in uno dei learning point.

Cosa fare dopo il diploma? Il 43% non lo sa

L’indecisione pare essere la parola d’ordine dei diplomati: secondo un sondaggio condotto da Skuola.net, infatti, il 43% dei diplomati non sa cosa fare. C’è chi ha deciso di proseguire gli studi ma non ha idea del percorso da intraprendere, e chi invece preferirebbe trovare sin da subito un lavoro. In questo senso, le Istituzioni e le università dovrebbero rendersi più partecipi in un momento di grande delicatezza per il futuro dei giovani studenti, promuovendo nei licei corsi di orientamento aventi lo scopo di indicare al giovane la via migliore da seguire, in base alle proprie capacità e aspettative.