10 dicembre 2016

Formula 1 – Gran Premio del Bahrain l’anteprima tecnica in casa Ferrari

Alla vigilia del Gran Premio del Bahrain, il punto di vista tecnico sul secondo weekend di gara del mondiale è affidato Kimi Raikkonen e Diego Ioverno, Race Team Manager della Scuderia Ferrari.
Per Kimi, il Bahrain dello scorso anno è un bel ricordo: “Mi piace Sakhir, la pista è bella, non ci sono curve molto difficili ma completare un buon giro su questo circuito è comunque difficile. Le condizioni possono variare moltissimo a causa del vento, fa caldo a mezzogiorno e di sera fa abbastanza freddo, ma è comunque un bel posto”. Il risultato dell’anno scorso – secondo e in piena rimonta su Hamilton – non lascia a Kimi l’amaro in bocca: “Forse avrei potuto vincere, con uno o due giri in più, ma è inutile fare supposizioni. Siamo arrivati secondi e questo è tutto. Non è andata male, ma sarebbe potuta andare meglio”. Su una pista caratterizzata da grandi staccate i piloti “lavorano” parecchio con il sistema brake-by-wire, collegato al recupero di energia: “In un mondo ideale in cui tutto funziona va bene, ma nella realtà a volte possono esserci problemi, però abbiamo un buon sistema. Girare su questo circuito è abbastanza impegnativo e alcune vetture possono avere problemi con i freni, ma se subentrano problemi dipende da come ne gestisci il raffreddamento”.

A Diego Ioverno il compito di descrivere il tracciato dal punto di vista dell’ingegnere: “Il circuito del Bahrain ospita la Formula1 dal 2004. E’ un tracciato di nuova generazione, disegnato appositamente per mettere sotto stress tutte le componenti della vettura. Comprende 15 curve e 3 lunghi rettilinei, con un’alternanza di tornanti e repentini cambi di direzione, includendo solo 3 vere curve a media alta velocità”. Le caratteristiche rendono necessario un assetto un po’ particolare: “In Bahrain si opta solitamente per configurazioni aerodinamiche a medio-basso carico. E’ importante ottimizzare la prestazione della vettura sui rettilinei, ma non bisogna tralasciare altri aspetti molto significativi, come il raffreddamento dei freni nelle importanti frenate e staccate che caratterizzano questo circuito, e conta molto anche dare il giusto risalto alla parte meccanica dell’assetto nella percorrenza dei cordoli”.
Ma la pista di Sakhir ha altre peculiarità: il fatto di sorgere in pieno deserto e l’asfalto illuminato artificialmente. “Dal punto di vista ambientale, il Bahrain è un circuito molto interessante. Prima di tutto si trova in mezzo ad un deserto e spesso, negli anni passati, i team hanno dovuto affrontare i problemi indotti dalla sabbia. Ci sono stati anni in cui le tempeste di sabbia hanno avuto pesanti effetti sullo svolgimento del weekend. Ultimamente si è posticipato l’inizio della gara, la partenza è in notturna, mentre le prove libere e le qualifiche avvengono quando ancora la luce del giorno illumina il circuito. Questa variazione di illuminazione ha un impatto non trascurabile sul raffreddamento e sul comportamento delle vetture e delle gomme”.

Fonte: ferrari.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.