3 dicembre 2016

Nettuno – Francesca Signore, Città Futura: “Siamo contro i compromessi”

“Il deficit strutturale di bilancio del Comune di Nettuno, impone ai candidati sindaco delle diverse coalizioni, uno sforzo di sincerità nei confronti del proprio elettorato. E’ finito il tempo dell’ente comunale trasformato in ufficio di collocamento, delle consulenze d’oro, dei favoritismi e delle clientele che si spartivano le risorse pubbliche, che ricordiamolo sempre, provengono direttamente dalle tasche dei cittadini, sotto forma di imponente tassazione. – così apre un intervento Francesca Signori del movimento Città Futura di Nettuno che porta Giulio Verdolino quale candidato sindaco – Questo stato dei conti , ci obbligherà negli anni a venire, a pagare aliquote massime dei tributi locali, fermo restando la lotta doverosa e serrata sul fronte dell’evasione e dell’elusione fiscale.
Ma c’è una sfida ancora più grande ed impegnativa che gli iscritti di Città Futura hanno accettato: è una rivoluzione culturale dal basso, per promuovere il rispetto delle regole e far capire la loro importanza ed utilità per il benessere della comunità locale. L’obiettivo a lungo termine che ci si prefigge consiste in un cambiamento di mentalità che migliori la convivenza civile nel rispetto reciproco. Rispettare le regole permetterà in futuro la creazione di meccanismi sani di competizione economico-sociale, di riconoscimento del merito e conseguentemente lo sviluppo etico ed economico del territorio.
A questo fine, intensa sarà la battaglia contro la corruzione dai livelli più bassi a quelli più sofisticati, avvalendoci di tutte le istituzioni preposte dallo Stato per la lotta ai fenomeni d’illegalità. Ancora più importante, in chiave preventiva dei fenomeni di devianza, sarà la ricerca di una stretta collaborazione con le scuole per l’attuazione di progetti educativi che coinvolgano bambini e adolescenti sul tema delle regole.
Sapendo che il rinnovamento culturale è un obiettivo a medio lungo termine, non siamo interessati a facili vittorie o disposti ad accettare soluzioni di compromesso, per conquistare ruoli unicamente di potere. Di qui la scelta di correre da soli rispetto a qualsiasi eventuale o ventilata possibilità di appoggiare altre coalizioni presenti nella prossima tornata elettorale.
Correre da soli vuol dire assumersi il rischio e la responsabilità di guadagnare anche un solo posto in opposizione e portare avanti le istanze di cambiamento che abbiamo nella mente e nel cuore.
Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti i cittadini delusi ma non rassegnati, ai quali chiediamo di sostenerci con il loro voto e di unirsi a noi nella battaglia, poiché l’impegno di Città Futura non si esaurirà con le elezioni, ma continuerà nel sociale, con l’emozione e l’entusiasmo che ci ha coinvolti finora e che ci auguriamo di trasmettere a tutti voi.”