9 dicembre 2016

La Letteratura conquista la 416^ FIERA NAZIONALE DI GROTTAFERRATA

Incontro dedicato alla prevenzione con la Croce Rossa Italiana nella giornata di giovedì. A seguire otto scrittori si alternano sul palco, con l’accompagnamento in musica del talentuoso Gianmarco MERLINI. Il pubblico resta in sala per oltre quattro ore. Laura RUOCCO chiude la rassegna con la lettura di brani famosi.

Giovedì 24 marzo, il Comitato Locale Tusculum della Croce Rossa Italiana ha incontrato il pubblico della Fiera, alle ore 15:00, proponendo un tema curioso: il modo migliore per lavarsi le mani evitando i batteri. Di fronte ad un pubblico sorpreso e divertito, i volontari hanno illustrato aspetti poco noti dell’igiene e le modalità con cui è possibile prevenire buona parte delle infezioni. Con tanto di acqua e sapone, i visitatori sono stati invitati sul palco per sperimentare le tecniche riconosciute dall’Organizzazione Mondale della Sanità. Presente il Vice Sindaco, Francesca Maria PASSINI, che ha esternato il proprio apprezzamento per un’iniziativa capace di unire informazione e prevenzione.

Alle 17:00 è iniziata, invece, l’attesa edizione annuale della manifestazione “Ti leggo un libro“, kermesse letteraria curata dall’associazione culturale La Tua Grottaferrata, già protagonista in Fiera la scorsa domenica con un appuntamento dedicato al famoso scrittore Marcello VENEZIANI.

In una Sala Congressi impreziosita per l’occasione da fiori, il promotore dell’evento Alessandro COCCO ha voluto dedicare la giornata ad amico da poco scomparso, Valerio VAGLIO, e lo ha fatto con un video dedicato alla vita e all’innocenza che ha suscitato in sala una forte emozione e commozione.

Barbara FORTINI, nel ruolo di conduttrice, ha sapientemente introdotto gli autori e le loro opere, mettendo in luce per ciascuno tanto la personalità quanto gli aspetti più caratteristici dei libri presentati.

Il tutto accompagnato dalle note di Gianmarco MERLINI, che ha presentato il suo nuovo album, “Rugiada di sole”, una serie di componimenti per pianoforte scritti per invitare l’ascoltare alla riflessione, osservando l’essenziale attraverso la semplicità e la lentezza, in contrapposizione al dinamismo esasperato del nostro tempo.

Claudio VERGATI ha parlato del suo romanzo, Cuore inquieto, un racconto che prende spunto da uno degli eccidi più feroci della Seconda Guerra Mondiale, la strage nazista di Sant’Anna di Stazzema, per immaginare la vita in una comunità fondata dai sopravvissuti, del tutto autarchica e basata sulle proprie regole.

Fiabe e racconti sono stati poi il tema affrontato da Rita GATTI, autrice che si muove agilmente tanto tra le pagine dei libri quanto nella recitazione in teatro. Il suo ultimo lavoro, Gocce di fiabe, è una raccolta di storie rivolte ai più piccoli ma non solo: lo spunto della tradizione narrativa ha permesso di affrontare temi concreti e attuali, dal bullismo agli effetti negativi che telefonini e social network hanno sui più giovani.

Più frammentata, ma non per questo meno unitaria nel suo complesso, è la raccolta aforistica Esta vida di Marco GAVOTTI, una lunga serie di intuizioni e massime che l’autore ha collezionato nell’arco degli anni. Riflessioni che mettono in luce singoli e talvolta limitati aspetti della vita umana, capaci però di restituire nel loro insieme un’esperienza piena del senso delle cose.

Dal set di Gomorra arriva invece l’attrice Elena Margaret STARACE, giovane e promettente scrittrice che ha recitato un brano tratto da Anime pezzentelle, opera dedicata agli emarginati che ci presenta una Napoli diversa da quella dell’immaginario televisivo, più concreta e drammatica ma proprio per questo più reale e complessa. L’interpretazione di STARACE ha dato ancora più forza ad un testo costruito con la sapienza e la maestria dei grandi narratori, il cui apprezzamento è stato sottolineato dal pubblico con lunghi e forti applausi.

Una ricerca di rinascita interiore si intreccia alla ricostruzione storica nel romanzo di Domenico D’ERRICO, intitolato Il Re del vento, opera che corre su un doppio binario: da una parte ci racconta la vita di un medico disilluso che cerca di ritrovare una propria serenità, dall’altra ricostruisce oscuri avvenimenti risalenti al medioevo.

E l’antichità è protagonista anche di Cleopatra – Divina donna d’Inferno, prosimetro composto da Antonella RIZZO. Una raccolta inusuale di poesie e testi in prosa che restituiscono un’immagine forte, indipendente e attuale della Regina egizia. RIZZO tratteggia una figura esemplare, alla quale ispirarsi come modello di riferimento.

La Seconda Guerra Mondiale ritorna come argomento di studio nel voluminoso 8943. Frascati vittima… di uno sporco affare, un’enorme documentazione realizzata da Roberto EROLI, Raimondo DEL NERO, Dario DE SANCTIS e Basilio VENTURA. Il testo ricostruisce il bombardamento dell’8 settembre che distrusse Frascati, attraverso foto e testimonianze che i cittadini hanno messo a disposizione nel corso del tempo. E’ stato inoltre proiettato un suggestivo video girato dai soldati tedeschi all’indomani dell’attacco, un documento storico rimasto sconosciuto per oltre mezzo secolo.

Ha concluso la rassegna Marco POLITI, uno dei maggiori vaticanisti al mondo, noto per essere editorialista de “Il Fatto quotidiano” e per il suo volume “Francesco tra i lupi”, bestseller che racconta il pontificato di Papa Francesco e la sua rivoluzione, svelando aspetti poco noti dell’ultimo Conclave. L’analisi di POLITI ha preso in considerazione non solo i pareri di esponenti di spicco nel panorama religioso ma anche quelli di opinionisti, ricostruendo un quadro preciso dei cambiamenti che hanno coinvolto in questi anni il Vaticano.

A conclusione, l’attrice Laura RUOCCO, già direttore didattico del Teatro Golden di Roma, ha letto in pubblico brani tratti da opere famose, spaziando da Michele SERRA a Umberto ECO, senza dimenticare la poesia e testi più intensi, come un estratto da Isabel ALLENDE.

Un’occasione culturale unica, che dimostra ancora una volta come sia possibile coniugare l’intrattenimento della Fiera ad eventi impegnati e di alto livello.

About Samantha Lombardi 4034 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it