3 dicembre 2016

Cruciani: “I Vegani? Sono una setta, vogliono imporre un mondo diverso”

Giuseppe Cruciani è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it),  nel corso del Format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Cruciani ha fatto il punto su quanto accaduto venerdì scorso con un gruppo di vegani che ha fatto irruzione nella sede milanese del Sole 24 Ore e di Radio24: “Perché avevo un salame in studio? Il mistero è semplice da spiegare. Qualche giorno prima, e questo è uno dei motivi per cui quei vegani sono venuti sotto la radio, avevo ospitato un allevatore, che è anche un ristoratore, che mi ha portato una capretta da adottare fino a quando sarà macellata. Insieme all’agnellino mi ha portato in omaggio un paio di salami. Quei salami erano rimasti dentro a un armadio, non me ne ero nemmeno accorto. Quando ho aperto l’armadio per cercare un numero di telefono ho sentito odore di salame e allora l’abbiamo tirato fuori per pasteggiare. Poi è successo quello che successo e allora mi è venuta l’idea di portare giù il salame. Non credo sia stato quello a farli esplodere, probabilmente non se ne sono nemmeno accorti, anzi credo che non abbia avuto nessuna influenza. Questi sono una specie di setta, vogliono imporre una scelta diversa”.

Qualcuno ha rimproverato Cruciani di essere scappato: “Qualcuno mi ha chiamato coniglio, ma questa è la cosa più ridicola del mondo. Non scenderò mai a quel livello. Solo se dovessi proteggere qualcuno alzerei le mani. Nel corso di una trasmissione radiofonica se c’è qualcuno che vuole menarmi, tra le altre cose erano in quattro o cinque, non mi metto a fare a botte. L’errore è stato aprire quella porta. Quando è stata sbadatamente aperta, per un errore di valutazione, si sono avventati dentro in tre o quattro, io non sapevo cosa avevano in mano, potevano avere in mano di tutto, così per evitare che la cosa degenerasse ho preferito andare in una parte più protetta della radio. Come è andata a finire? Abbiamo chiamato la polizia, è arrivata la Digos, ma appena questi hanno avuto il sentore dell’arrivo della Digos, visto che questi qui sono tutti quanti segnalati, sono scappati. Hanno anche lasciato tutto sporco per terra, compresi fumogeni e lo striscione. Sono animalisti, ma evidentemente non tanto ambientalisti. A me piace il confronto verbale, non la rissa. Ci sono tutti quei fenomeni che su internet dice che dovevo affrontarli: gente patetica, ridicola, magari sono pacifisti e poi vogliono la rissa”.

Cruciani è convinto che tra lui e un agnello i vegani salverebbero l’agnello: “Se gli chiedessimo chi volete buttare giù dalla torre, La Zanzara Cruciani o un agnello? Loro sicuramente salverebbero l’animale. Lo spartiacque è proprio questo, è il considerare gli umani alla stessa stregua degli animali. Nessuno dice che bisogna torturare gli animali o che si debba violentarli. Cosa ho mangiato a Pasqua? Niente agnello, ho mangiato pollo, coniglio. Non ho mangiato l’agnello semplicemente perché non è capitato”.

Audio http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=7508

Fonte: Radio Cusano Campus