4 dicembre 2016

Di Maio: “Per me non esistono vittime di serie A e vittime di serie B”

Ieri in Pakistan un kamikaze si è fatto esplodere in un parco pubblico dove alcune delle famiglie colpite stavano trascorrendo la Pasqua, uccidendo 72 persone e ferendone 340. In Iraq, l’altro ieri, un altro kamikaze si è fatto esplodere durante un torneo di calcio causando 41 morti, di cui gran parte erano ragazzi tra 10 e 16 anni.

Per me non esistono vittime di serie A e vittime di serie B. Queste persone sono miei fratelli, come le vittime di Bruxelles e di Parigi, e meritano la stessa attenzione politica e mediatica delle vittime degli attentati in Europa.

Qualcuno si chiede cosa passi per la testa a chi si fa esplodere. A me non interessa. Io voglio fare in modo che la smettano. A partire dai soldi, impedendogli di finanziarsi per comprare gli esplosivi, per reclutare nuovi terroristi, per fare proseliti in tutto il mondo, per diffondere la loro becera propaganda, e banalmente per muoversi dall’Italia al Belgio, alla Siria e all’Iraq per tornare in Europa.

Fermare il flusso di soldi che gli arriva ogni giorno significa prendere scelte nette. E la prima di queste scelte a livello internazionale è di non avere più a che fare con i Paesi che li finanziano. Ad esempio, quelli da cui il Presidente del Consiglio si fa regalare i Rolex, come l’Arabia Saudita (basta cercare su Google “Renzi Rolex”).

Forse, proprio da quell’episodio dovremmo iniziare a realizzare che l’attuale Presidente del Consiglio – tra l’altro mai legittimato da un’elezione popolare e quindi debolissimo ai tavoli internazionali – sia totalmente inadeguato per fronteggiare questa crisi.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.