6 dicembre 2016

Contatto Blues

21 Marzo 2016. Per anomalia da equinozio, si tratta del secondo  giorno di primavera , iniziata un giorno prima, calda colorata e serena specialmente per chi ha la fortuna di vivere in un luogo di mare!

Cosa c`è di meglio di mettere su un caff è con i raggi del sole della fresca stagione arrivata che scaldano il nostro risveglio? …..Che manca di più? Sicuramente un po` di classic rock a dare la carica e via… la giornata può iniziare!

Avviando i vari supporti, su una stazione radio on demand stanno mandando un pezzo dal titolo Lay down Sally del mitico Slowhand Eric Clapton, strepitoso e storico chitarrista rock/blues britannico, ancora grazie a Dio in attività,  che alla fine degli anni 60 stregò un’ intera generazione di giovani tanto che per i muri di Londra si leggeva la famosa scritta “Clapton is God” !

Questo brano mi ha subito portato a riflettere su questo caro e generoso genere musicale molte volte messo da parte, specialmente dall`industria mondiale,  la moderna industria musicale, ma che ha un potere magico che rapisce alla sua scoperta, specialmente per chi è all`inizio dell`approccio con la musica moderna e con uno strumento , la chitarra, che ne sarà per sempre la regina e lo caratterizzerà come nessun altro, signori e signore, il BLUES!

Il mitico Slowhand ha segnato tutta la sua carriera di blues, di altissimo livello, e come lui altri grandissimi chitarristi della storia, proprio per quello  che questo genere si porta dentro e che si può scoprire solo studiandolo e frequentandolo.

Anche io nel mio piccolo, molti anni fa ormai, rapito da una chitarra elettrica (la prima) rossa fiammante e soprattutto nuova, scoprii come tutti, i primi “giri blues” fondamenti e pietre miliari della chitarra moderna.

Esso rapisce perchè non è solo un genere musicale, tecnicamente parlando anche tra i più semplici e meno complessi, ma come tutti i generi radicali e primari esprime qualcosa di diverso che agisce dentro le emozioni umane e sa dare delle sensazioni uniche. E` una cultura, quella afroamericana, proveniente dalla tratta degli schiavi nel sud degli States, che si esprime, che lotta, che è consapevole delle ingiustizie e delle difficoltà della vita ma soprattutto il blues è il desiderio di essere liberi!

Senza addentrarci nel mondo e nella storia di questo genere musicale, questo articolo nasce dalla istantanea esigenza che ho sentito nel riascoltare un pezzo fortemente blues di quel grandissimo interprete, forse il più rappresentativo del cosiddetto British Blues, e di far crescere in qualche modo la curiosità in tutti coloro che non hanno mai incontrato questo profondo genere musicale o che non lo hanno mai amato o peggio ancora trovato “pesante”…..beh  sapete cosa si può provare a fare?

Non considerare il blues solo come genere ma come sentimento legato si a malessere psicologico, malinconia, depressione, ma capace come pochi di essere in contrapposizione e dare risposte vitali alle umane peripezie!

Credetemi il Blues ha poteri diabolici!  The Devil`s Music!

Mirko Brillantina De Rossi
About Mirko Brillantina De Rossi 49 Articoli
Conduttore speaker radiofonico, musicante e suonatore per passione....Ama il rock n roll non solo come genere ma soprattutto come cultura ,stile e tendenza.....Le chitarre americane sono una fissa...ne possiede sempre poche per quante ne vorrebbe!!!