4 dicembre 2016

Roma – Sen. Ranucci, PD: “Acea, impropria l’uscita della Raggi, non si fa campagna elettorale creando danni al comune”

Il Sen. Raffaele Ranucci del Pd è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alle parole di Virginia Raggi sul cambio di managment in Acea che hanno fatto crollare del 4,7% le azioni della municipalizzata. “Quando si parla di una società quotata in borsa bisogna fare molta attenzione –ha affermato Ranucci-. Acea è al  51% di proprietà del comune e al 49% di proprietà di vari azionisti. Dire che l’Acea deve cambiare managment è un’uscita impropria, in pochi giorni l’Acea ha perso 142 milioni di euro di quotazione, 71 di questi sono del Comune. Non si possono affrontare temi così delicati per fare campagna elettorale. Acea è una bene della città che va protetto perché una delle fonti certe di introito del Comune di Roma. Quando sento dire che gli utili devono essere reinvestiti nelle reti, il piano industriale di Acea prevede già 600 milioni di investimenti in questo. Il problema di questa città non è certo un’azienda che funziona, l’unica azienda dell’acqua che funziona nel nostro Paese”.

“Sono stufo –ha aggiunto Ranucci- di sentire che le priorità del prossimo sindaco devono essere tappare le buche e tenere la città pulita. Queste dovrebbero essere cose normali. Roma è la capitale europea della ricerca, bisognerebbe puntare su questo, sul turismo, sull’economia di questa città e vedo che questi temi in campagna elettorale sono poco gettonati. Credo che Giachetti sia l’uomo giusto per rilanciare la città. Il governo Renzi ha approvato un odg che parla di ridimensionamento del numero delle regioni italiane e di trasformare Roma in uno stato regione. Oltre questo bisogna intervenire sui municipi, che non possono non avere un’autonomia. Il disegno istituzionale di Roma deve essere rifatto. Il sindaco diventerà il sindaco di tutti. C’è molto scetticismo nei confronti della politica. Facendo un’azione che guardi al futuro di questa società e ci si ponga dei traguardi per il bene per la città. Serve un bravo amministratore che non guarda in faccia gli interessi di qualcuno ma solo della città. Credo che Giachetti questo possa farlo”.

Fonte: Radio Cusano Campus