2 dicembre 2016

Bruxelles, Prof. Razzante, Osservatorio riciclaggio e finanziamento terrorismo: “Ecco gli stati canaglia che finanziano l’Isis”

Il professor Ranieri Razzante, direttore dell’Osservatorio sul riciclaggio e finanziamento al terrorismo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione ‘Il mondo è piccolo’, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Quelli che finanziano i terroristi sono stati canaglia che hanno interesse che ci sia una destabilizzazione dell’avversario perché così governano meglio –ha spiegato Razzante-. Gli avversari sono gli occidentali. Gli stati finanziatori vedono in testa l’Arabia Saudita che non fa mistero di finanziare la costruzione di moschee e scuole coraniche. Qualche provvedimento dovrebbe essere preso in questo senso. Bisogna compiere immediatamente azioni sanzionatorie nei confronti di questi stati che finanziano questi terroristi. Gli stati canaglia sono l’Arabia Saudita, il Qatar e la Turchia”.

Noi distinguiamo tra il macro finanziamento e il micro finanziamento al terrorismo– ha spiegato Razzante- Ci sono diverse metodologie e diversi importi per il terrorismo strategico che serve a mantenere il potere nei teatri di guerra; e il terrorismo tattico, quello ad esempio delle stragi di Parigi, che serve a penetrare gli Stati, creando il terrore al di fuori degli Stati di guerra. In questo secondo caso si può parlare di micro finanziamento. Le forme del macro finanziamento invece sono quelle legate al traffico del petrolio, al traffico di stupefacenti, al traffico di opere d’arte, al traffico di esseri umani”.

In merito agli attentati di Bruxelles e all’intelligence italiana. “Indubbiamente la storia dell’Italia fa la differenza rispetto al passato degli altri stati  -ha spiegato Razzante-. Esiste una profonda ontologica differenza tra i nostri sistemi di intelligence e quelli degli altri Stati europei. Noi rileviamo una debolezza negli apparati di intelligence preventiva e repressiva in stati come Francia e Belgio. In Italia questa debolezza non la rileviamo perché con la mafia è nata l’anti-mafia e con il terrorismo e nata l’anti-terrorismo. Però è pur vero che modelli come il nostro e come quello americano devono essere importati da stati che ormai sono sotto attacco e non si possono permettere questo dilettantismo. Alla base di un attentato c’è sempre un ciclo terroristico che si compie La cosa che deve preoccupare è che stavolta non si tratta di operazioni che non siano militarmente studiate e non si tratta di semplici cani sciolti, si tratta di persone addestrate alla guerra, alla guerriglia. Questo comporta una ricaduta sull’importanza della prevenzione e dell’infiltrazione”.

Fonte: Radio Cusano Campus