4 dicembre 2016

Ladispoli – Consorzio San Nicola: “Ancora falsità e fango dal Comitato San Nicola”

 

In relazione al comunicato del sedicente “Comitato San Nicola” in data 23 marzo 2016, rispondiamo, punto per punto, quanto segue: 

I FATTI

Il CdA non ha mai redatto né tantomeno sottoscritto alcuna Convenzione, semmai l’ha redatta il Comune di Ladispoli sottoponendola in bozza al CdA. Fermo restando che la versione definitiva dell’atto verrà sottoposta all’approvazione dell’assemblea consortile (riteniamo nella prossima estate), affermiamo e confermiamo che, al momento, non esiste alcuna stesura ufficiale della Convenzione, ancor oggi in fase di elaborazione. Evidentemente il “Comitato” ne possiede una copia innanzitutto non ufficiale e comunque errata in quanto nella stessa si prevederebbe – com’è scritto nel comunicato – che la manutenzione straordinaria delle opere farebbe carico ai consorziati.

Nulla di più falso!

LA SORPRESA (ATTESA)

Il “Comitato” dimostra di non essere neanche capace di leggere una convocazione di assemblea.

L’assemblea straordinaria del 3 aprile infatti, convocata secondo legge, dovrà deliberare solo e soltanto su tre modifiche statutarie senza discutere di alcuna nuova Convenzione, tantomeno di una Convenzione che preveda la manutenzione di strutture come il cavalcaferrovia e il cavalcavia (vedi punto precedente). In merito all’acquedotto, confermiamo quanto già abbiamo detto e ribadito più volte in precedenza, ma evidentemente non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire! In particolare, riguardo alla salute pubblica, la potabilità dell’acqua è garantita giornalmente dal Consorzio e dal laboratorio di analisi incaricato dal Consorzio stesso nonché confermata dall’Arpa Lazio tramite la Asl competente che certifica “la completa conformità dell’acqua erogata”. In merito alle spese di gestione, abbiamo dimostrato decine di volte che il costo dell’acqua a Marina di San Nicola è notevolmente più basso di quello applicato a Ladispoli. 

L’ASSEMBLEA

La convocazione dell’assemblea del 3 aprile, con il relativo carteggio, è stata inviata appositamente un mese prima a tutti i condomìni proprio per dar modo agli stessi di potersi riunire preventivamente, qualora lo ritenessero. Evidentemente il “Comitato” continua a riferirsi all’approvazione di una Convenzione che, come sopra detto, ancora è in via di definizione. Quindi non capiamo di quale “quesito ridicolo” si stia parlando. E’ ovvio che quando arriveremo a decidere della Convenzione lo faremo preferibilmente d’estate.

Il “Comitato” parla di “significative modifiche statutarie” che il CdA avrebbe dimenticato di inserire… Ma a cosa si riferisce? Non ci è stata mai richiesta alcune modifica allo statuto! Se il “Comitato” ha documenti in proposito, ce li presenti, non potendo sperare che siano altri a interpretare i loro “sogni”.

E proprio il “Comitato” accusa il CdA di condurre una “assurda modalità” nelle richieste ai consorziati? Non sanno neanche indire una loro assemblea! Per quella di sabato 26, infatti, manca una vera e propria convocazione con un regolare Ordine del giorno… E’ in questo caso che calza bene la loro affermazione “…come si faccia a decidere in merito a quanto non conosciuto”. E’ un’assemblea, quindi una gestione dell’associazione, o “Comitato” che dir si voglia, alla… “volemose bene”. Ciò detto, si capisce subito da che pulpito vengono le prediche!

E sempre a proposito di assemblee, statuti e gestione, in base allo statuto del “Comitato”, pubblicato

su internet, sarebbe prevista un’assemblea l’anno per approvare le spese dove fossero convocati i 150 (?) associati che loro dicono di rappresentare: non ci risulta lo abbiano fatto; dovrebbero eleggere il presidente ogni due anni: non ci risulta lo abbiano fatto; e così via dicendo…. Quindi anziché sparlare del prossimo, guardassero in casa loro e si comportassero seriamente e – loro sì! – secondo legge. Si comportassero da persone democratiche che fanno decidere la maggioranza anziché imporre il pensiero di pochi (esiste ad esempio un’assemblea del “Comitato” regolarmente costituita che abbia dato mandato al presidente di presentare al Comune il progetto del “Consorzio stradale”?). Pochi, dicevamo, motivati da risentimenti personali e che oltretutto vogliono portare la politica nel nostro Consorzio. Questo perché, se non è ancora chiaro a qualcuno, tra le altre cose previste dal “Consorzio stradale”, da loro tanto sbandierato, c’è che un consigliere comunale deve far parte del CdA. E quando entra la politica nei Consorzi si sa come va a finire… 

RACCOLTA FIRME

Il “Comitato” dice di proseguire con la raccolta di firme per la richiesta, al Comune, di istituire  questo benedetto “Consorzio stradale”. Ma non dicono che una tale eventuale malaugurata ipotesi escluderebbe dalla gestione le strade principali, l’acquedotto, l’illuminazione, ecc… Ma di cosa stanno parlando, anzi sparlando? Non lo sanno neanche loro oppure mentono sapendo di mentire! Oppure ancora, terza ipotesi, fanno dubitare che abbiano la piena consapevolezza di quanto vanno incautamente e improvvidamente propalando, rendendosi responsabili, con le loro falsità blaterate, di una scorretta e sleale disinformazione.

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

About Ruggero Terlizzi 2865 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it