5 dicembre 2016

Roma – Fassina stoppa Marino: “Un ingresso in campo senza coordinamento sarebbe dannoso”

06/02/2013 Roma, convegno Le domande della farmacia , le risposte della politica. Nella foto Stefano Fassina

 

Stefano Fassina, candidato sindaco di Roma di Sinistra Italiana, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Stefano Fassina ha parlato dei temporeggiamenti di Ignazio Marino, che ancora deve sciogliere il nodo sulla propria candidatura:“Se se la sta tirando un po’ troppo? Certamente quella legata ad Ignazio Marino è una situazione difficile, valuterà lui. Noi andiamo avanti, abbiamo dato sin da gennaio la disponibilità a fare le primarie con altre candidature che si rendevano disponibili per un progetto di cambiamento radicale. Il 2 e il 3 aprile prossimo faremo oltre 100 banchetti in tutta la città, dove la coalizione che sostiene la mia candidatura presenterà il programma e il sottoscritto presenterà la propria candidatura ai cittadini. Nel programma i cittadini troveranno un impegno contro la disuguaglianza, che a Roma ha assunto una dimensione stratosferica. Il mio impegno, poi, sarà per il lavoro, per un trasporto pubblico efficiente e la trasformazione dei municipi in comuni metropolitani. Vogliamo poi innalzare il livello della raccolta differenziata e ridurre la Tari, che per gli esercizi commerciali e le botteghe artigiane vogliamo addirittura dimezzare. Abbiamo poi un piano specifico per ristrutturare il debito pubblico e tanti altri impegni che fanno parte delle emergenze quotidiane che viviamo nella città. Marino presenterà il suo libro il 31 marzo? Non so se potrà annunciare in quella data la sua candidatura per dare una spinta promozionale al libro. Noi abbiamo cercato di unire tutte le forze disponibili e impegnate in un progetto di radicale discontinuità. E’ evidente se ci fosse un ingresso in campo a questo punto senza coordinamento credo che non farebbe bene a nessun progetto, neanche quello di Ignazio Marino“.

Fonte: Radio Cusano Campus