I Vivarini, lo splendore della pittura tra Gotico e Rinascimento

Veronese, Cena in casa Levi, Gallerie dell'Accademia, Venezia

Palazzo Sarcinelli che ospita fino al 5 giugno la mostra I Vivarini, lo splendore della pittura tra Gotico e Rinascimento resterà aperto la domenica di Pasqua 27 marzo ed eccezionalmente anche il lunedì dell’Angelo 28 marzo (nonostante la chiusura abituale prevista il lunedì). Verrà inoltre offerto l’ingresso gratuito a tutti i bambini e sarà organizzata una divertente caccia al tesoro Cerca la colomba in mostra! I visitatori che troveranno la colomba tra le splendide opere dei Vivarini riceveranno in regalo un gadget al bookshop!

Un’occasione unica per ammirare con tutta la famiglia questa splendida esposizione, la prima mai realizzata su questa famiglia di artisti muranesi,  in primo piano nel magico panorama dell’arte veneziana del Quattrocento, che giunse a contendere il primato alla celeberrima bottega dei Bellini.  In mostra sarà presentato un ricco e prezioso nucleo di opere fortemente rappresentative del percorso artistico dei tre artisti: Antonio, il fratello Bartolomeo e il figlio di Antonio, Alvise. Dipinti che testimoniano altresì i contatti e gli influssi subiti ed esercitati nei confronti dei più importanti protagonisti della pittura del primo Rinascimento italiano come Mantegna, Donatello, Antonello da Messina, Perugino e lo stesso Bellini. Si potranno ammirare, per la prima volta riuniti, dipinti eccezionalmente trasferiti dalle loro sedi naturali: polittici per chiese e confraternite, tavole per private devozioni, storie di santi e di miracoli, ricordi d’antico e scene di toccante pietà, ma anche di conclamata modernità; opere nelle quali i colori, dal rosa al turchino dai violetti cangianti al verde squillante, risaltano in tutta la loro forza accompagnandosi e poi liberandosi dai preziosi fondi oro per misurarsi con la natura e le atmosfere in paesaggi delicati e magnifici.

 

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8338 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.