6 dicembre 2016

Una mostra carina fra pizze fritte e babà

Su via Toledo, la principale via dello, shopping a Napoli spicca Palazzo Zevallos di  Stigliano, splendida dimora nobiliare del seicento poi sede centrale di una Banca e oggi Fondazione Museale.
Entriamo, il salone dove  c’erano gli sportelli per il pubblico è circondato da vetrate e specchi liberty che da soli valgono la visita. Il primo piano è il nostro, chi vuole può visitare gli altri, non resterà deluso. Il titolo accattivante  della mostra è: Giovanni Ricca e gli altri pittori della cricca di  Ribera. Il famoso Jusepe de Ribera detto lo Spagnoletto.
Il fatto che avesse una cricca intriga. Nel seicento infatti l’ambiente dei pittori era  pieno di botteghe, coltelli, rivalità e  ricerche col colore. Per assicurarsi  l’incarico di un ordine religioso o di un nobile ansioso di autocelebrarsi  col dipinto dell’artista di moda, non si esitava a far fuori fisicamente i concorrenti.  Accadeva  pertanto che alcuni saggiamente rinunciassero a firmare i loro quadri che venivano attribuiti al pittore più conosciuto, ” titolare” se così possiamo dire della bottega.
Giovanni Ricca  in quanto a bravura non era inferiore al Ribera, ce ne  accorgeremo… I quadri non sono molti, ma scelti bene, le  sale affacciano sulle vetrate che si possono ammirare ancora meglio insieme allo splendido orologio Brinkamn che ricordava ai clienti come il tempo fosse denaro.
Il quadro che attira  i visitatori è S. Caterina di Alessandria del nostro G. Ricca prima attribuito al Ribera che ha dipinto lo stesso soggetto, le due tele sono poste una accanto all’altra.  La S. Caterina di  Ricca è appoggiata ad una spada, sembra l’eroina di Hunger Games, quella di Ribera è  un capolavoro, basta osservare il mantello e i capelli.
Una riflessione verità, ci sono varie categorie di persone che visitano i musei, i pignoli, guardano tutto dalla cornice alla scheda informativa, si spostano per cercare la luce migliore, ma trovano sempre il riflesso che ci mette lo zampino, i contemplativi, piantati davanti al quadro sembrano aver trovato un pezzetto di paradiso, tocca portarli via e stare attenti che non cadano e i pratici, procedono con ordine, senza omettere nulla e la loro domanda è: questa sala l’abbiamo vista?
Uscendo dalla mostra dobbiamo prendere una decisione. Andare a sinistra verso trionfi di pizze fritte e  al forno irresistibili o a destra finendo fra le braccia di babà da urlo.
Tutte e due? Nessuna delle due!!  Bendatemi sono a dieta! Libertà di scelta.