10 dicembre 2016

Bruxelles, Hamza Picardo, Ucoii: “Noi musulmani soffriamo 2 volte:come cittadini europei e come vittime di parte della politica e dei media”

Hamza Picardo, fondatore dell’Ucoii (Unione delle Comunità Islamiche d’Italia), è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito agli attentati di Bruxelles. “Noi musulmani soffriamo due volte –ha spiegato Picardo-, una volta come cittadini del mondo e d’Europa, e la seconda volta perché sappiamo già che una parte della politica e dei media se la prenderanno con noi anche se non abbiamo nessuna responsabilità. E’ una situazione molto difficile e pesante, sappiamo bene come i nostri nemici, i nemici della coesistenza e della pace, approfitteranno di tutto questo per demonizzare la presenza di una comunità, che per il 99% è pacifica e solidale con gli altri suoi concittadini. Il Giornale titola: Islam lontano da casa nostra. Dove mi vuole mandare? Sono italiano, padre e nonno di ragazzi italiani musulmani. Ci vogliono deportare dove? Dobbiamo nasconderci, infilarci in qualche catacomba e sperare che passi la tempesta? Chiediamo che i media ci rispettino e lo Stato ci protegga come protegge qualsiasi altro cittadino”.

Guerra nell’Islam. “C’è una guerra tra i paesi a maggioranza sciita e quelli a maggioranza sunnita –ha affermato Picardo-. Non è una guerra interna all’Islam, i musulmani sono vittime di questa guerra. Noi siamo le prime vittime sia da un punto di vista numerico che politico”.

Le ragioni dei kamikaze. “Capire perché un giovane nato in Europa compia queste azioni a scapito della sua vita non riesco a capirlo –ha affermato Picardo-. Io sono musulmano ma non riesco a capirlo. Non si spiega perché una persona sia disposta a sacrificare la propria vita per l’inferno, il Corano spiega che colpire gli innocenti è come colpire tutta l’umanità e quindi li aspetta l’inferno. E’ come se stessero bestemmiando, è una bestemmia atroce. Allah ama tutte le sue creature, chi le uccide dovrà risponderne in maniera molto pesante.

Reticenze nella comunità islamica? Se noi parliamo di percentuali da prefisso telefonico, è possibile che ci siano persone che per ignoranza, per astio, per un senso di frustrazione, possano essere non ostili a questo tipo di azioni, perché magari in medio oriente stanno uccidendo i musulmani. Ma questo è aberrante. Un male non può compensare un altro male. Noi non abbiamo un magistero unico, ma esistono centinaia e centinaia di pareri legali che dicono che quello che fanno i terroristi è contrario all’Islam. Viene gridato anche a prezzo della vita, anche in Italia. Noi facemmo una fatwa contro il terrorismo già nel 2005. E’ chiarissima la nostra posizione, con decine di comunicati e manifestazioni. E’ una guerra tra noi e l’estremismo, alcune battaglie si vincono e altre si perdono, ma alla fine sono convinto che vincerà l’Islam moderato”.

Fonte: Radio Cusano Campus