10 dicembre 2016

Attentati Bruxelles, Mineo: “Bisogna creare una Procura europea contro il terrorismo”

Il Senatore Corradino Mineo di Sinistra Italiana è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito agli attentati di Bruxelles. “La polizia francese e quella belga hanno fatto un grandissimo pasticcio –ha affermato Mineo-. C’è stata una mancanza assoluta di coordinamento. Noi abbiamo il problema di proteggere le nostre città, il nostro stile di vita. L’idea potrebbe essere quella di costruire una Procura europea, come si fece in Italia con il pool anti-mafia. Questa Procura europea dovrebbe disporre di tutti i dati di tutte le polizie europee sulla questione Isis. Non ci si può affidare solo all’intelligence nazionale, anche perché l’intelligence francese ne ha fatti di disastri… Ci vogliono buoni inquirenti. L’intelligence tende a muoversi in un domino mondiale complicatissimo, è in concorrenza l’una con l’altra. La battaglia deve essere fatta in modo tradizionale, come ha fatto l’Italia con la mafia. Questo tipo di lavoro, fatto da persone normali come magistrati e poliziotti, è prezioso. Poi ci sono altri aspetti. C’è la tendenza a mitizzare quest’avversario, che in realtà è braccato, si sente sconfitto perché capisce che, nonostante l’appoggio dell’Arabia Saudita e nonostante il doppio gioco della Turchia, non durerà al lungo. Loro sanno che stanno perdendo, che sta fallendo questo tentativo di tornare al medioevo con un fondamentalismo religioso disumano. Loro avevano celebrato Salah Abdeslam come ottavo martire delle stragi di Parigi, invece si era tolto la cintura e ora collabora con la polizia. Questo smacco è stato talmente grave per loro, che hanno dovuto reagire. Noi avremmo dovuto prevedere la loro reazione e contrastarla, non ne siamo stati capaci”.

Le reazioni della destra. “Il discorso che fa la destra è stupido, cretino –ha sottolineato Mineo-. Il Giornale oggi titola ‘Islam lontana dalle nostre case’. L’Islam tra le religioni monoteiste è quella che cresce di più. Come puoi pensare di tenere lontani gli islamici dall’Italia? E’ come svuotare il mare col cucchiaio. Solo chi non conosce la storia può pensare di fermare totalmente i flussi migratori. Li puoi regolare, puoi evitarne alcune conseguenze, ma i fossi migratori sono una costante nella storia dell’umanità, non c’è uomo senza migrazione. Queste posizioni sono puramente demagogiche e propagandistiche, non possono funzionare. Il muro che il fascista Orban vuole innalzare in Ungheria servirà solo a far perdere diritti ai cittadini ungheresi e i migranti passeranno comunque. Certo che questi sono terroristi islamici, ma non è l’Islam il problema. Ci sono riferimenti violenti nel Corano, ma risalgono al 600dc. Ci sono anche nella Bibbia. La questione vera non è la religione”. 

L’Arabia Saudita e l’atteggiamento della Turchia. “Noi ci troviamo davanti ad una setta che nasce 250 anni fa, più o meno contemporaneamente al meraviglioso esplodere dei diritti dell’Illuminismo francese. Il nemico vero è l’Arabia Saudita, l’ideologo dei tagliagole è AlWahhāb. Questa è una setta formata dai sovrani sauditi, che i Paesi occidentali considerano alleati perché ricchi. C’è un problema Turchia, che considera i curdi il principale nemico e per questo si è alleata con l’Isis. La Turchia è parte dell’Europa. Non c’è dubbio che Erdogan sta intepretando una politica islamica sunnita di potere, alleata con l’Arabia Saudita e contemporaneamente sta riprendendo il discorso dei giovani turchi in un senso ultranazionalista. Questa posizione del potere turco è inaccettabile, non ci sono ragioni che la giustifichino. Noi facciamo finta di non sapere che fanno affari con l’Isis e che combattono i curdi che si battono contro l’Isis. L’accordo tra Ue e Erdogan è sbagliato”.

Fonte: Radio Cusano Campus