Rossi, presidente Regione Toscana: “Intramoenia un cancro nel sistema sanitario nazionale”

Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Rossi ha chiesto l’abolizione dell’intramoenia (prestazioni erogate al di fuori del normale orario di lavoro dai medici di un ospedale), scontrandosi con il ministro della salute Lorenzin e con alcuni del Pd. “A Federico Gelli dico che apprezzo molto il suo lavoro, non si lanciano invettive a compagni dello stesso partito, io non lo farò –ha affermato Rossi-. Ho fatto una proposta seria, sostenuta da chi in sanità ci lavora da tatno. Lo faccio dall’alto della posizione di una regione che per prima ha approvato la legge sulla regolarizzazione dell’intramoenia. E’ una bomba, è devastante per il servizio sanitario nazionale questa percezione d’ingiustizia che i cittadini hanno. Tanti medici hanno una libera professione, facendo in questo modo pagare ai cittadini. Dopo 18 anni aprire una discussione penso sia giusto. Il pubblico ci rimette 200 milioni sulla libera professioni. C’è chi fa 350 euro per un quarto d’ora e hanno redditi milionari con la libera professione. Io sono perché si premino i medici bravi e quelli che hanno voglia di lavorare di più entro il limite delle 48 ore. Se c’è qualcuno che vuole lasciare il pubblico, niente male, magari c’è qualche giovane più bravo e che ha più voglia di lui. L’intramoenia è un cancro dentro al sistema sanitario nazionale.”

Su Verdini e la maggioranza. “Se non ci fosse stata la tragedia in Catalogna –ha affermato Rossi-, io sarei andato alla direzione del Pd a dire una cosa. Renzi ha detto Verdini serve perché il Pd ha perso. Io la vedo diversamente. Di Verdini potremmo fare a meno se il Pd fosse unito, discutesse al proprio interno senza infamarsi e lanciarsi invettive, e poi si presentasse con le proposte. Se fosse così, non ce ne sarebbe per nessuno, nemmeno per Verdini. Sicuramente mi candiderò a segretario del Pd e lancerò una sfida politica sui contenuti, perché la sinistra deve vivere dentro il Pd”.

Fonte: Radio Cusano Campus

loading...
loading...