4 dicembre 2016

Attachi Bruxelles, On. Fiano: “Non abbiamo bisogno dei consigli della destra, lo sappiamo che siamo in guerra”

L’On. Emanuele Fiano, responsabile Pd per le riforme istituzionali e la sicurezza, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito agli attentati di oggi a Bruxelles. “Esprimo il mio cordoglio per le vittime e ovviamente anche la nostra preoccupazione –ha affermato Fiano-. Siamo di fronte ad un fenomeno che è indice di una forza di questi assassini, di una capacità organizzativa e di una capacità di tenuta di questa organizzazione nel tempo. La lotta al terrorismo è asimmetrica e si sviluppa su piani diversi. Da un lato c’è una complessa situazione internazionale, in secondo luogo c’è una questione di prevenzione sui territori europei. Nessuno può pensare, nonostante l’ampiezza delle forze disponibili, di essere impermeabile a questo tipo di attacchi perché non esiste l’impermeabilizzazione completa. Si possono però fare molte azioni preventive, Francia e Belgio in questo senso hanno mostrato delle falle purtroppo. Questi attentati arrivano a 4 mesi dagli episodi del Bataclan e la conseguente fuga degli attentatori. Fa un po’ impressione che in Belgio in questi mesi non si sia riuscita a neutralizzare questa rete estesa di organizzazione terroristica. L’Italia invece, anche forse per l’esperienza con il terrorismo negli anni di piombo, dal punto di vista della prevenzione si è dimostrata molto efficiente. Ritengo molto alta la capacità del nostro sistema anti-terroristico. Poi c’è una dimensione europea per cui la collaborazione tra i sistemi di sicurezza di tutti i Paesi europei deve essere continuamente rafforzata. E’ ovvio che l’aumento delle necessità della sicurezza comportano la diminuzione dei livelli di libertà. Questo è un tema difficile, va fatto e ragionato con molta attenzione. Noi abbiamo messo in campo pochi mesi fa un decreto anti-terrorismo, approvato dal Parlamento, che ha messo in campo nuove tipologie di reato, come quello di arruolamento, e che ha dato molti frutti nel nostro Paese. Noi non abbiamo limitato le libertà individuali. Prima ancora della limitazione della libertà individuale, ci può essere la necessità di rendere più complicata la vita dei cittadini. Ad esempio, se fossimo di fronte alla necessità di una risposta durissima, si potrebbe prevedere che le aree sensibili come le stazioni della metropolitana e gli aeroporti, dovrebbero essere tutti filtrati. Questo è lo scopo dei terroristi, rendere la nostra vita più difficile. Nessuno chieda a nessun Paese di dire che non succederà mai niente, perché questo non si potrà mai dire”.

“L’analisi dei fatti ci porta a riconoscere delle differenze tra noi, la Francia e il Belgio –ha spiegato Fiano-. Questi due Paesi hanno una storia di colonialismo i cui effetti si vedono ancora. In una telefonata tra uno degli attentatori del Bataclan e suo padre, lui diceva al padre: tu hai scelto la Francia per vivere, io non lo sento il mio Paese. Nelle periferie parigine c’è un fenomeno di non integrazione che ha le sue radici in un odio derivante dal fatto che la Francia fu il Paese colonizzatore delle famiglie dei nonni di quelli che oggi magari sono terroristi. In Italia c’è una natura diversa dell’immigrazione, molto più recente. Non c’è un’immigrazione derivante da una situazione colonialista. Francia e Inghilterra sono poi intervenute in tempi moderni in teatri di guerra contro i Paesi arabi”.

Da centrodestra in molti dicono al governo di svegliarsi perché siamo in guerra. “Non abbiamo bisogno di consigli per capire che siamo in guerra –ha replicato Fiano-. L’Italia è all’avanguardia nelle misure di prevenzione e repressione di questi fenomeni. Considero cinico speculare oggi sulla politica, nel momento del cordoglio per le vittime. Mi pare di aver sentito che Salvini abbia detto che bisogna chiudere le moschee. Invece io dico che bisogna prendere coloro che attraverso l’Islam professano la morte, la guerra all’occidente. Non sono affatto d’accordo che collaborare con chi vuole espellere dall’Islam coloro che professano la jihad significa chiudere tutte le moschee. Io non penso che tutto l’Islam sia jihad e non lo penso perché lo so per certo”.

Fonte: Radio Cusano Campus