3 dicembre 2016

Cecile a Radio Cusano Campus: “In Italia troppi pregiudizi, mi accusano di aver cantato N.E.G.R.A”

Cecile, la cantante di colore che all’ultimo festival di Sanremo ha portato “N.E.G.R.A” ed ora sta lanciando il nuovo singolo “Da 3”, è intervenuta su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it), nel corso del format LINGUE A SONAGLI condotto dal cantautore Bussoletti in onda ogni sabato alle 14.

Ha espresso chiaramente i suoi dubbi contro certi pregiudizi in Italia non risparmiando neanche Balotelli.

Sui pregiudizi in Italia: “In Italia ce ne sono troppi. Mi accusano di aver giocato sul cantare “N.E.G.R.A.” da ragazza di colore? Avrei anche potuto cantare “frocio” o “trans” e se la sarebbero presa lo stesso con me perché quando si parla di argomenti scomodi, c’è sempre qualcuno che si sente toccato e i pregiudizi sono dietro l’angolo. Anche quelli non negativi. Per esempio non è vero che tutti gli uomini di colore ce l’hanno grande”.

Su Mario Balotelli: “Mi fa incazzare? Sì. Ha un modo di atteggiarsi da ragazzino e credo che sia un problema di testa. Potrebbe usare la sua popolarità per aiutare tanti ragazzi che cercano di integrarsi ed invece fa parlare di sé solo per tresche e sciocchezze”.

Su Piotta: “Quando non lo conoscevo di persona, ero rimasta all’idea del Super Cafone. Poi sono andata in studio da lui e là ho ascoltato il suo nuovo album che all’istante mi ha fatto cambiare opinione. È cambiato tanto, è cresciuto nei testi e nei temi come dimostrano canzoni tipo “Barbara” e “7 vizi Capitale””.

Su Matteo Renzi: “Se fossi in lui, mi concentrerei sul lavoro e non sulle polemiche. C’è tanto da fare ed io ho la sensazione che molte delle sue energie si disperdano in battibecchi. Io sono una che ha sempre votato, anche se ultimamente noi italiani non abbiamo avuto molte occasioni per farlo”.

Sul video di N.E.G.R.A: “Ero imbarazzatissima. In alcune scene ero realmente nuda e la cosa non mi metteva a mio agio. Per decidere se fare o no quel video, ci ho messo cinque o sei mesi ma poi ho capito che così diventava la specchio visuale del brano e ne valeva la pena. Una cosa divertente, però, c’è stata. Quando ho chiesto un paio di mutande color carne per girare alcune scene, la commessa me ne dato un paio… bianche!”

AUDIO: http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1777&dl=7403

Fonte: Radio Cusano Campus