8 dicembre 2016

Atrani, torrente dragone, dopo 20 mesi saranno pulite le briglie, e poi?

Sarà l’Arcadis stavolta ad effettuare la manutenzione ma resta  l’incertezza sugli interventi futuri   Tanto tuonò che piovve: dopo un’attesa lunga e ricca di spunti  polemici, Genio Civile di Salerno e Arcadis comunicano che verranno  finalmente ripulite le due briglie a pettine collocate lungo l’alveo  del torrente Dragone, su cui non veniva effettuata manutenzione e  pulizia dal 3 luglio del 2014. Sembra così essersi sbloccata la pericolosa situazione di stallo,  finita di recente anche nel mirino della Procura, evidenziata in tutte  le sedi opportune dal Comune di Atrani e oggetto di interrogazione a  risposta scritta da parte di Alberico Gambino, presidente del Gruppo  Consiliare Fratelli d’Italia a Palazzo Santa Lucia. Sarà l’Arcadis a operare la tanto invocata manutenzione lungo l’asta  torrentizia del Dragone, verbalizzando il 17 marzo l’inizio dei lavori  finanziato coi fondi di cui all’OCDPC n°38 del 16.01.2013 (art. 1 c.  3, 4, 5).

L’ordinanza, lo ricordiamo, è quella che favorisce e regola  “il subentro della Regione Campania nelle iniziative per il  definitivo superamento dell’emergenza per gli eccezionali eventi  atmosferici nei comuni di Atrani e Scala”. Le risorse impiegate sono in disponibilità Regione-Arcadis, in virtù  di una contabilità speciale di fondi stanziati dal Ministero delle  Infrastrutture per completare gli interventi. Tutto prevedibile, insomma, a conferma dell’inutilità della rincorsa  alle competenze dei mesi passati. C’era bisogno di innescarla per  ricordare alla Regione Campania quale importante responsabilità è  chiamata ad assolvere circa il dissesto idrogeologico del territorio  regionale?

Il Genio Civile di Salerno, come richiamato nella nota citata, in data  27.01.2016 ha eseguito un “sopralluogo puntuale sul torrente  Dragone… accertando che materiale di diversa natura proveniente da  monte ha completamente occluso i pettini delle briglie e di conseguenza  il bacino retrostante si è totalmente riempito di materiale  detritico-lapillo che normalmente defluiva fino a mare.” Concludono i  tecnici: “nelle condizioni attuali certamente non assolvono alla  propria funzione… e necessitano, quindi di un intervento di rimozione  del materiale depositatosi” informando la Regione di ciò che, da  mesi, era visibile ad occhio nudo transitando dalla vicina strada  provinciale. Alla fine del documento si evidenzia l’opportunità di  inserire la manutenzione periodica delle opere di difesa “in un piano  di protezione civile al fine di mantenerle in efficienza e assicurarne  la funzionalità” allo scopo di non essere costretti ad intervenire,  al loro riempimento, in somma urgenza. Un auspicio vago e indefinito  che omette di specificare il soggetto principale: piano di protezione  civile… di chi? Eppure basterebbe solo un po’ di concretezza per non ricorrere, ogni  volta, alla “somma urgenza”. Basterebbe inserire le briglie del  Dragone in un piano di manutenzione ordinaria (la migliore prevenzione  possibile!), finanziato ad esempio dalla Regione e magari anche dal  Ministero dell’Ambiente.

Un piano condiviso, insomma, mirato per  fronteggiare il dissesto idrogeologico del territorio regionale,  programmato con la destinazione di un finanziamento specifico e di  specifico soggetto attuatore, come potrebbe essere la Comunità Montana  dei Monti Lattari di cui fanno parte Ravello e Scala. La Regione Campania ha già fatto in passato qualcosa del genere  (delibera di Giunta Regionale n.818 del 30.12.2011 e relativo  allegato): all’elenco di interventi “Sistemazione idrogeologica e  manutenzione ordinaria/straordinaria del reticolo idrografico”  finalizzati a ripristino della funzionalità idraulica e mitigazione  del rischio inondazione degli alvei di competenza regionale, segue un  finanziamento programmatico di interventi, molto simili a quelli  necessari per le briglie del Dragone, e l’individuazione del soggetto  attuatore. Quelle briglie “mal concepite e realizzate” nel 2011 necessitano  di pulizia continua, quasi dopo ogni evento piovoso.

Un dato ormai  chiaro a tutti che, oltre a far rimanere tutti i dubbi sulla reale  utilità delle briglie, costringe di fatto a ripensare il criterio  della “somma urgenza” in una programmazione sistematica e coerente  degli interventi di manutenzione. Perché se per questa volta verranno ripulite, non vi è nulla di  certo rispetto alla prossima “somma urgenza”, invocata troppe volte  per rimediare all’assenza di “ordinaria amministrazione”. Restano da chiarire, dunque, quali saranno le azioni future e in che  modo il nuovo corso di Palazzo S. Lucia vorrà indirizzare il proprio  impegno concreto per la mitigazione dei rischi da dissesto  idrogeologico e uscire finalmente da quegli stati di continua emergenza  o “somma urgenza” che, da troppo tempo, hanno sostituito il regime  “ordinario” nella gestione della sicurezza del territorio.