8 dicembre 2016

Roma – Sanità: ex Gruppo IDI, Nursind: “La storia infinita pagata dai lavoratori”

 

Siamo colpiti che ancora una volta a pagare la crisi generata dal crack finanziario emerso nel 2013 continuino ad essere gli onesti lavoratori della sanità dell’IDI- affermano i dirigenti sindacali Nursind San Carlo ex gruppo IDI Sanità Antonino Gentile e Anna Rita Amato- 120 dei quali dal 1 aprile saranno messi in cassa integrazione in deroga per tre mesi. Purtroppo sembrerebbe non esserci fine agli strascichi economici e giudiziari causati dal dissesto finanziario che si protrae da anni a causa delle note vicende su cui la Procura di Roma ha chiesto ultimamente il rinvio a giudizio per 40 persone. Non è bastato il periodo di amministrazione straordinaria e la successiva vendita, lo scorso aprile 2015, delle strutture dell’ ex Gruppo IDI Sanità ( San Carlo di Nancy, IDI, Villa Paola e 2 RSA) per far dormire sonni tranquilli ai dipendenti e consentire il ritorno alla normale attività sanitaria.

L’Irccs, gestito adesso dalla Fondazione Luigi Maria Monti, si è visto tagliare da decreto della Regione Lazio circa 10 milioni di budget 2015, riportando gravi ripercussioni sulla gestione economica. A fronte della situazione creatasi siamo di fronte all’ inizio di un periodo difficile per i dipendenti dell ‘ IDI, 89 dei quali ex dipendenti del San Carlo, tra cui diversi infermieri, a seguito dell’ accordo sindacale sulle condizioni del trasferimento dei rami d’azienda, i quali da un lato usufruiranno del sostegno al reddito per i tre mesi di cassa integrazione in deroga concessa e dall’ altro si vedranno diminuito lo stipendio. Ad essi va tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà – concludono Amato e Gentile- nella consapevolezza che ancora una volta a rimetterci per responsabilità altrui sono i lavoratori onesti, vittime indifese di una crisi che, protraendosi da anni, appare ai più una storia infinita.

NurSind San Carlo-IDI

About Emanuele Bompadre 8273 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.