3 dicembre 2016

Roma – Sabella: “Corruzione a Roma? Nella sua relazione Cantone è stato fin troppo tenero”

Il magistrato Alfonso Sabella, ex assessore alla legalità del Comune di Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Lo stabilimento Village sul lungomare Paolo Toscanelli, bene confiscato alla mafia, riaprirà i cancelli oggi alla presenza dello stesso Sabella e del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. “Nella giornata della memoria delle vittime di mafia –ha affermato Sabella-, si inaugura questo stabilimento sequestrato al clan Fasciani ed è sicuramente una cosa molto positiva perché dà la misura di come si riesca a mantenere le attività produttive che vengono tolte alla criminalità e rimesse a disposizione dei cittadini. E’ un primo piccolissimo passo, c’è ancora tanto da fare sul regolamento della gestione dei beni confiscati. Purtroppo credo che il nostro Paese abbia voluto fare le nozze coi fichi secchi, perché quando un’azienda viene tolta dal mercato illegale e messa nel mercato legale, questa operazione ha dei costi enormi. Bisogna recuperare una grandissima trasparenza nell’assegnazione di questi beni confiscati”.

In merito alla relazione di Raffaele Cantone sull’assegnazione degli appalti a Roma. “Tutte le criticità che Cantone ha fotografato in quell’impietosa relazione io le conoscevo già –ha spiegato Sabella-. Anzi, Cantone è stato perfino tenero. Sulle somme urgenze io sarei andato molto più pesante, perché quello che ho visto sulle procedure di somma urgenza è molto grave. Quando vengono affidati i lavori in maniera diretta senza nessun tipo di controllo e sulla base della discrezionalità assoluta di un funzionario del Campidoglio, sulla base di una presunta emergenza che magari risaliva a due anni prima e che poteva essere tamponata da un lavoro di 1000 euro anziché spenderne 700mila, io sarei stato ancora più pesante di Cantone”.

Giachetti ha fatto il suo nome se dovesse vincere le elezioni. “Io sono disponibile in qualunque ruolo per questa che è ormai la mia città –ha affermato Sabella-. Non sono disponibile a incarichi di carattere politico fin quando farò il magistrato. Spero che Roma non abbia più bisogno di un assessore alla legalità. Le parole di Giachetti mi hanno fatto un piacere enorme perché ha riconosciuto il grande lavoro che abbiamo fatto nella giunta Marino sul piano della legalità”.

Fonte: Radio Cusano Campus