2 dicembre 2016

MotoGp Qatar 2016: la pagella del Dicos

JORGE LORENZO 10: Il martillo mette le ali alla sua Yamaha e sontuosamente vince la gara d’apertura del mondiale. Le fauci desmodromiche dei 2 Andrea non lo spaventano ed oltre al talento del polso, usa l’altro elemento necessario per primeggiare: la materia grigia della testa. Come un felino attende il momento giusto per agguantare le prede, attimo che arriva a 9 tornate dal traguardo. Inizia una danza veloce, efficace e bella che sbrana gli avversari (chi parla di nemici in un contesto sportivo come il motociclismo dovrebbe far piangere ma, a ben vedere, fa solo ridere….non è guerriglia ma sport solo del sano sport!). Pole position, record della pista e vittoria deliziano tutti, anzi, quasi tutti. Beh ci sono quelli del “Yellowpressfanslinguaclub”, ma questa è un’altra storia. La realtà parla di un campione che trionfa alla grande, fa battere forte il cuore degli appassionati e zittisce le solite lingue intrise d’odio. Straordinario!

ANDREA DESMODOVI 8,5: Coglie un buon risultato e riesce a mettersi alle spalle un Marquez coriaceo. E’ bravo a non cadere nel tranello della foga perché consapevole che le gare si vincono al traguardo e non dopo poche tornate. C’è un però…..Con quel missile anche quest’anno non è riuscito a vincere. Sinceramente mi ha un pizzico deluso perché quando hai una velocità di gran lunga superiore agli altri, una moto ufficiale ben bilanciata e tanti rettilinei a disposizione, c’è un solo obiettivo, ossia primeggiare. Posizione bella che non balla!

MARC MARQUEZ 8: Il talento di Cervera mette più di una pezza all’anemia di chilometri orari della sua Honda. Le prova tutte per cogliere almeno la piazza d’onore, ma è costretto ad arrendersi alle fauci desmodromiche. Sembra aver capito che quando non tira aria di vittoria occorre, in ottica campionato, accontentarsi senza strafare. Bravo!

VALENTINO ROSSI 6: Dopo aver rinnovato per altri due anni con la casa dei tre diapason, Mister 9 volte, tra rancori e cose non dimenticate, si è scordato, però, di vincere al Qatar. Lasciamo perdere la storia delle scie (se a farlo è uno spagnolo è da criminali, se a farlo è LUI, è figo)….Mentre il compagno di squadra si allontanava (costringendo noi da casa ad alzare il volume dell’audio) lui ha cercato, senza riuscirci, ad agguantare il podio (costringendoci ad abbassare il volume dell’audio). Questa volta non è riuscito a trovare il setting giusto dopo il tentativo, diventato mitico, prima dello spegnimento del semaforo; cosa è cambiato? Una prova insapore ed incolore, che suggerisce una sola cosa: meno chiacchiere e più fatti perché gli avversari, specie i compagni di team, sono pronti a zittire tutto ma proprio tutto…..

DANI PEDROSA 5: Il distacco di oltre 14 secondi dal vincitore testimoniano il reale valore della Honda di oggi. Beccare, però, 12 secondi dal teammate significa che non si è mai stati della partita. Anonimo!

MAVERICK VINALES 6,5: Ottimo in prova, dopo lo spegnimento del semaforo fa un lavoro più che onesto visto il materiale a disposizione. Forza!

YAMAHA: Se negli ultimi anni è la moto che ha vinto di più un motivo ci sarà. Non è il caso di far firmare a Jorge Lorenzo un contratto a vita?

DUCATI: Adesso capisco perché Jorge (se è vera la fonte) è cercato fortemente a Borgo Panigale. Non comprendo, però, perché non danno a Stoner una moto ufficiale per farlo scatenare tra i cordoli e dimostrare che con la Desmosedici si può vincere…..

HONDA: Rimandata.

SUZUKI: Competitiva sul giro secco, lontana in gara….

APRILIA: Bocciata. Dispiace tanto vedere una casa italiana, che ha dimostrato che le moto vincenti è in grado di realizzarle, arrancare nelle retrovie. Curioso di sapere cosa pensa ed intende fare il sig. Roberto Colannino in merito e, colgo l’occasione, per chiedere come vanno le cose in generale al suo gruppo.

PERLE: Prima conferenza stampa dell’anno: “Conferenza anche con chi ci è antipatico”…..”Al di là dei fatti dell’anno scorso”…..”Uomo e pilota più uomo e pilota”: per vincere su una Ducati occorre avere talento perché non basta un ingaggio faraonico per riuscirci. Il recente passato ai soliti psicologi improvvisati non ha insegnato nulla. “Lorenzo perchè non scappa?”….

FACCE DA BRONZO: E’ triste vedere che ancora oggi esistono personaggetti che non comprendono che si può essere al tempo stesso gialli e rossi. Non capisco la frenesia ed il livore nel voler a tutti i costi dividere le persone. Premesso che vanno rispettate tutte le opinioni, il motociclismo unisce non divide. Il voler far schierare gli appassionati in una sorta di grande Risiko mediatico lo trovo puerile anche se c’è la scusante del Made in Italy. A proposito, controllate in certi gadget e società quanto di vero Made in Italy c’è…..

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.