7 dicembre 2016

MotoGP – Lorenzo: “Una delle più belle gare della mia carriera”

Jorge Lorenzo, Movistar Yamaha, prima del GP del Qatar ha pensato e applicato un cambio dell’ultima ora sulla sua M1 montando la mescola morbida sulla ruota posteriore. Una decisione che gli varrà la vittoria nella prima gara stagionale, i primi 25 punti per iniziare a difendere il titolo iridato e il nuovo record di gara. Un inizio di stagione ottimo per il campione del mondo del 2015. Dopo la partenza dalla sua 62esima pole il maiorchino deve lasciare il passo alle Ducati di Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, incontenibili sul lungo rettilineo del Losail International Circuit; ma Lorenzo resta calmo preparando quella che sarà la sua netta vittoria. Cade Iannone, il 99 di Yamaha sorpassa Dovizioso e inizia la sua cavalcata verso la bandiera a scacchi. 1:54.927s è il tempo fatto da Lorenzo al 20 giro che batte il precedente record di Casey Stoner su Ducati con gomme Bridgstone. Dopo due giri il maiorchino vince la sua prima gara del 2016 con un distacco di 2.019s su Dovizioso.

Jorge Lorenzo: “Siamo lì, in prima posizione, senza fatica e sofferenza guidando nel mio modo preferito. Questa gara è stata una delle migliori della mia carriera. Con le gomme non è stato facile e solo alla fine abbiamo preso la decisione giusta montando la mescola morbida sul posteriore, in questo modo siamo stati veloci, da subito. La mescola dura però con il passare della gara dovrebbe essere migliore e dare più garanzie ma credo che sia successo il contrario e la gomma morbida in generale ha fruttato bene, questa è stata la differenza tra me, Dovizioso e Marquez. Sono rimasto sorpreso del mio ritmo a fine gara, ero concentrato anche quando il margine si è un po’ ridotto. Mi sento molto orgoglioso della mia guida, della mia gara e anche della mia squadra, abbiamo lavorato bene sull’elettronica e sull’assetto della moto”.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.