10 dicembre 2016

Davide Rigon: “Gara veramente difficile. Peccato per il podio”

Una 12 ore di Sebring, valevole per la seconda tappa IMSA SportsCar Championship, che ha lasciato una scia di delusione sul volto di Davide Rigon, impegnato al volante della Ferrari 488 GTE del Team Risi Competizione insieme a Giancarlo Fisichella e Toni Vilander.

In un fine settimana condizionato dalle impervie condizioni metereologiche, che hanno obbligato la direzione gara ad esporre la bandiera rossa per impraticabilità della pista e per la caduta di alcuni fulmini in prossimità del tracciato nelle prime ore di gara. Scattati dall’ottava posizione,  grazie ad un buon lavoro di squadra e stint senza errori, riescono a portare la numero 62 nelle posizioni di vertice occupando saldamente la terza posizione, fino alle fasi finale quando un prototipo colpisce la vettura di Maranello con al volante Rigon. Rientrato in pista al settimo posto, il driver della Ferrari è bravo a rimontare chiudendo la corsa ai piedi del podio

Davide RigonE’ successo veramente di tutto. Come ci aspettavamo è stata una gara molto impegnativa resa ancora più difficile dalla forte pioggia. La macchina andava molto bene, soprattutto in condizioni di poca acqua in pista, anche se concediamo qualcosa in rettilineo causa BOP, dove era difficile difenderci dalle BMW e Corvette. Insieme a Giancarlo e Toni abbiamo fatto un ottimo lavoro risalendo fino al terzo posto, dando vita ad una bellissima bagarre in cui mi sono divertito molto. Nell’ultimo stint in notturna, nonostante una leggera pioggia, avevamo deciso di tenere le slick, ma sono stato tamponato da un prototipo che mi ha portato fuori pista, facendomi perdere diverse posizioni. Fortunatamente la vettura non ha riportato gravi danni permettendomi di chiudere in rimonta col quarto posto. Ancora una volta tutto il team ha fatto un bel lavoro e possiamo essere soddisfatti, anche se il podio era il nostro obiettivo

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.