3 dicembre 2016

Ostia – CasaPound occupa spiaggia ex Amanusa e accusa il Pd: “Irregolarità anche sul Village che viene inaugurato oggi”

“Giù le mani del Pd dalle spiagge” è il testo dello strscione esposto questa mattina da una trentina di militanti di CasaPound Italia che hanno occupato all’alba la spiaggia ex Amanusa ad Ostia chiudendo con delle transenne l’accesso all’arenile ed esponendo bandiere ed altri striscioni. “C’è un grosso interesse economico – si legge in una nota di Carlotta Chiaraluce, portavoce di CasaPound nel X Municipio – intorno agli stabilimenti balneari ed alle spiagge di Ostia ed il Pd, grazie al commissariamento per mafia del X Municipio, ci sta mettendo le mani sopra. Abbiamo occupato oggi non a caso – ha spiegato Chiaraluce – ma perché questa mattina il presidente della Regione Lazio Zingaretti, il Prefetto Gabrielli ed altri esponenti del Pd inaugureranno la nuova gestione dello stabilimento Village, l’unica concessione demaniale marittima confiscata per mafia, anche se non in via definitiva, che sarà gestita da Unindustria e Libera che si occuperanno anche di tutte le attività, dal ristorante ai servizi di spiaggia, mediante una rocambolesca serie di passaggi autorizzativi e non per niente chiari. Libera è la stessa associazione che gestisce dallo scorso anno la spiaggia ex Amanusa che abbiamo occupato ed anche qui ci sono molte irregolarità: la convenzione tra il Comune di Roma e l’Associazione Temporanea d’Imprese, Libera, UISP e Le Grand Coureur, che si è aggiudicata il lotto 8 del bando municipale per l’affidamento dei servizi di balneazione sulle spiagge libere, prevedeva il ripristino dello stato del chiosco esagonale trasformato invece in una struttura più ampia durante il periodo dei Mondiali di Nuoto 2009. L’ampliamento, a quel tempo, era stato autorizzato ma in via temporanea. spiagge3Invece, dalla data della firma della convenzione, il 26 settembre 2014, tutto è rimasto così, violando quanto previsto dall’articolo 14 della convenzione che prevedeva la risoluzione della convenzione stessa se il ripristino non fosse avvenuto dopo 120 giorni dalla data della firma. La convenzione scade il 30 settembre 2017. Tra le altre cose, la multa che nell’estate scorsa è stata elevata a Libera dentro quel chiosco è avvenuta proprio nell’area abusiva, destinata alla somministrazione di alimenti. Possibile che nessuno abbia visto, neppure l’ex delegato al X Municipio Sabella che oggi sarà presente al Village? A Libera e UISP va annullata la convenzione anche perché ci sono altre irregolarità”. “Durante tutta la giornata – ha aggiunto Luca Marsella, responsabile di CasaPound sul litorale romano – raccoglieremo le firme per l’interrogazione che smonta il commissariamento per mafia che presenteremo nei prossimi giorni e saremo qui mentre andrà in scena l’inaugurazione del Village. Alle 18 invece organizzeremo un aperitivo in contrapposizione alla festa aperta al pubblico che si terrà allo stabilimento inaugurato oggi. Invitiamo chiunque vuole veramente opporsi alla prepotenza del Partito Democratico che colpo dopo colpo sta affossando questo territorio a partecipare alla nostra iniziativa o a raggiungerci all’occupazione. Ci rivolgiamo a forze politiche, associazioni e giornalisti colpiti in questi giorni dalla censura del Pd, ai residenti di nuova Ostia ai quali sono stati sottratti spazi sociali, a imprenditori balneari e commercianti ed a semplici cittadini che vogliono dimostrarci la loro solidarietà. Oggi all’ex Amanusa – ha concluso Marsella – deve nascere un fronte unito di persone libere per smascherare gli interessi del Pd ed è il momento di metterci la faccia”.

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.