5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Mancini: “Resta tutto aperto”

Un’ottima Inter esce dallo stadio “Olimpico” con un pareggio dopo aver guidato il match per più di ottanta minuti contro la Roma di Luciano Spalletti. Nel post partita, Roberto Mancini commenta così la prestazione dei suoi: “Fino a quando la Roma ha inserito Dzeko, abbiamo fatto benissimo. Poi abbiamo un po’ sofferto sui palloni lunghi. Subire l’1-1 a cinque minuti dalla fine ovviamente ci porta un po’ di rammarico, forse ci è mancato il secondo gol. Siamo dispiaciuti perché oggi non abbiamo potuto contare su tre attaccanti. Probabilmente, con almeno uno tra Icardi, Palacio e Jovetic a disposizione avremmo vinto la partita”.

“Resta comunque l’ottima prestazione della squadra, che dà continuità alle ultime prove. Ci sono ancora tanti punti a disposizione e se dovessimo arrivare a parimerito con la Roma avremmo il vantaggio degli scontri diretti. Tutto resta molto aperto, mancano otto giornate e la strada è ancora lunghissima. Adesso dobbiamo vincerle tutte da qui alla fine, perché sono sicuro che così facendo potremo raggiungere il terzo posto. Al momento davanti a noi ci sono le tre squadre che erano partite per giocarsi lo scudetto, noi siamo lì e ce la giocheremo per il podio fino alla fine”.

Qualche domanda anche sui singoli: “Perisic? È un grande giocatore, di grande qualità. Sarà un elemento molto importante per l’Inter. Ha avuto il merito di segnare il gol ma oggi tutti hanno giocato molto bene, i ragazzi sono stati bravissimi. Ljajic? Ha fatto un’ottima partita, veramente. È stato bravo anche in fase difensiva. Eder? Ha corso molto, era un po’ solo là davanti. Gli manca il gol, ma sta facendo bene. Brozovic? Ha grandi qualità ed è giovane. Non può ancora essere continuo ma sono sicuro che potrà diventare un campione. Troppo tardi il cambio di Melo? Lo stavo inserendo ma Biabiany non ce la faceva più e ho dovuto mettere Manaj. Poi è arrivato il gol di Nainggolan sul tiro svirgolato di Dzeko”.

 

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.