5 dicembre 2016

Après le Francofilm Festival, l’intervista a Romano Milani. Il mestiere del cronista : la memoria storica

 

Un pomeriggio variabile, in una capitale non da bere, al riparo da ogni mutazione metereologica, eccoci nella Mediateca dell “Istitut  Francais-Centre Saint Loius”, in amabile compagnia di Romano Milani, lo storico segretario del sindacato nazionale dei giornalisti cinematografici italiani. 

Onorata di fare questa intervista. Da quanti anni è segretario del sindacato?

Eh sono tanti anni, credo più di trenta. Sono entrato che era ancora presente Vinicio Marinucci che è stato un critico, sceneggiatore quello che un tempo si chiamava uomo di cinema, che lavorava nel cinema con sceneggiature, soggetti. Ho attraversato tutta la presidenza di Ernesto Baldo, poi l’infaticabile Laura Delli Colli, attuale  presidente. Sono tra i detentori della memoria storica, ad uno ad uno i vecchi soci non ci sono più, come Antonioni, Pietrageli. Dal 1946 il conto degli anni è presto fatto.

Ci racconti la storia della rivista “Cinemagazine”.

La rivista nasce da un bollettino che veniva stampato saltuariamente dal sindacato: pubblicava notizie, nuovi soci, su eventuali proteste per ragioni legate ad attività di colleghi giornalisti, censure, sequestri. Istituzionalmente dovevamo e dobbiamo promuovere  il cinema italiano. Ricordo che su questo nacque un “bisticcio” fra me e Marinucci: dissi mi era venuto un titolo in mente il titolo Cinemagazine. E lui mi disse che un titolo straniero non poteva promuovere il cinema italiano. Allora dissi  di usare  la dicitura  francese. Dopo alcuni giorni  Marinucci mi telefonò e disse che l’idea non era male. La scritta della testata era fatta con il  Ma (con un riflettore disegnato) e poi Gazine. Una trovata. Ma diciamolo in tutte le lingue! 

Mi ha dato un assist: ci racconti  un fatto di censura.

Beh diversi ce ne furono. Ricordo il caso  Ciprì e Maresco, all’epoca facemmo un convegno sulla censura. Fino al 1976 facevo cronaca giudiziaria.

Com‘ era  fare cronaca giudiziaria?

Fare  cronaca giudiziaria significava avere solo carta penna e orecchie. Ai processi non si potevano portare i registratori.

Cosa bisognava fare per fare bene il mestiere del giornalista?

Lavoravo per un ‘agenzia giornalistica: l ‘ Agenzia Italia. Davamo le notizie e  bisognava verificare l’attendibilità della notizia: ogni errore era una possibile  querela. Non bastava l’ eventuale rettifica. Ognuno doveva tutelare   la “dignità” , ma spesso si traduceva in  rischieste di danni in denaro.

Differenza tra giornalista e critico cinematografico?

Il giornalista cinematografico fa un lavoro diverso, a mio avviso, non deve avere pensieri propri, ma riportare al lettore quello che ha visto, che  ha sentito, che  gli hanno detto, per le opinioni   ci sono i commentatori. Se io, ad esempio, ricostruisco  un  fatto delittuoso, devo  delle testate. Non opinioni. Cosa che il critico fa per mestiere. Quando i produttori si risentono perché critico ha stroncato l film, sbagliano. Il giornalista, invece,  riporta quello che dicono.

Un aneddoto?

Ricordo che c’era un processo e  c’era un telefono pubblico. Staccai il telefono, chiamai lo stenografo, a cui si  dettavano i pezzi, e la linea fu tenuta occupata da me, solamente. Tutti gli altri andarono via senza poter telefonare!
Si andava a bussare nelle case  se non si trovava un telefono. Anche dai parenti dei presunti assassini o  delle vittime. Si andava. Ora non va più nessuno da nessuna parte!

Cosa ne pensa dei social network?

Twitter sta distruggendo le agenzie. A che servono? Ho avuto lo choc quando diverso tempo fa ho sentito che la Camusso aveva dichiarato tramite twitter.
Un tempo si chiamavano le agenzie, passava del tempo, si  doveva dettare la dichiarazione, la stenografa la  portava al  giornalista che  la leggeva e  la portava al redattore capo, poi  al direttore…insomma  passavano quattro ore! Ma tutto era verificato! Si era obbligati a verificare quella che era  la pluralità dell’informazione! Oggi le notizie si vedono in tempo reale!

Oggi il Sindacato?

Da statuto promuoviamo il cinema italiano: le frontiere sono aperte e  la cinematografia guarda  soprattutto a quelle  realtà dei cosidètti paesi  emergenti  che offrono prodotti persino superiori  a quelli italiani ed europei. Per svolgere questa attività  abbiamo i Nastri d’Argento, un premio  antico: la prima edizione  fu nel  1946  quando premiammo Rossellini con “Roma città aperta”. I Nastri d’Argento comprendono anche  i documentari e i cortometraggi che nel tempo hanno acquisito sempre più valore.

Apres le  Francofilm Festival. Questi 7 anni al Francofilm ?

Oh, si , sette anni molto interessanti perché innanzitutto ci sono 80  paesi aderenti all’organizzazione mondiale della francofonia , mi stupì che non ci fosse l’Italia  e mi spiego anche perché: la mia generazione ha studiato il francese, poi è subentrato l’inglese. Questa è stata la prima curiosità e poi che ci sono molti paesi dell’est che alla lingua francese danno molto spazio. La qualità dei film? Qui  ho visto  film che non avrei visto altrove, se non in qualche festival, ma anche quei festival sono talmente oberati che si perde la qualità. Quest’anno c’era un film del Mali che è la prima volta che partecipa. Abbiamo avuto film di Haiti. Credo che se fermiamo 10 mila persone qui davanti, ne troviamo uno che conosca la cinematografia di quel paese. Ci  sono i film dei paesi arabi francofoni come il  Marocco, la  Tunisia che  hanno sempre inviato film interessanti. Non posso dimenticare il film in cui si raccontava la storia di un contadino che aveva affittato ad una troupe  un terreno per girare un film e ci avevano costruito sopra una finta moschea. Quando è finito il film tutti se ne sono andati e la baracca di finta moschea è rimasta lì. Ed è  stata acquisita dagli abitanti come moschea dai compaesani. Il contadino non poteva distruggerla. L’attore bravissimo, quella comicità fatta di emozione, di battute, di comportamenti. Poi ci sono stati film con Lussemburgo, Canada- Quebec. All’inizio non c’era la Francia.

Come mai?

(Risponde madame Christine)

Era  troppo scontato, anche perché l’idea era far partecipare i paesi francofoni. Erano numerosi gli aderenti e  c ‘erano anche i documentari

(prosegue Milani)

Oggi abbiamo 12 nazioni lavoro di selezione fatto è  congeniale al pubblico. Qualità altissima. Ho notato una progressivo innalzamento della qualità in generale. Agli inizi un film emergeva rispetto agli altri. In questa edizione del festival c ‘è stata un’ uniformità, ma anche la scelta delle tematiche tutte di attualità. Alcune cose sono cambiate dai tempi   di Hassem Assam, che fu  il creatore del festival e lo diresse per 4 anni . Comunque la giuria lavora autonomamente: come giurati vediamo i film e se abbiamo delle identità di veduta opposte  si vanno a  conciliare. Della Giuria fa parte  Fedrico Pontiggia, un nome  carico di storia. ( scherza anche sul mio cognome Da Ponte- D’apote).

A che serve il Il Premio della Giuria?

Ci auguriamo che il film premiato abbia un riscontro tra i produttori e i distributori, anche italiani. Pochi premi e mirati : se sono troppi si dà la sensazione al pubblico c’è il panino per tutti. Noi, per esempio, per i Nastri d ‘Argento per documentari e cortometraggi guardiamo alla tematica, opere realizzate magari con mezzi inferiori, con produzioni povere. Si guarda l’interpretazione e  gli aspetti estetici e tecnici.

Voilà. Milani non vuol essere chiamato maestro, ma una sua massimaTagliare, tagliare, qualche cosa resterà!” Ci potrà essere utile.

Un ultimo aneddoto

In un caso di delitto, venne sul luogo l’auto di Paese Sera: aveva il telefono in macchina. Che tempi! Che tempi!

Merci Francofilm. Au revoir!

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 60 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.