Roma – Santanchè, FI: “Non si possono liquidare Meloni e Salvini come due ragazzotti, non sono traditori come Alfano”

Daniela Santanchè, deputata di Forza Italia, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla candidatura di Giorgia Meloni alle elezioni amministrative a Roma. “Nessuno può decidere se si può fare una campagna elettorale e se si può essere bravi sindaci da mamma o da non mamma –ha affermato Santanchè-. Mi fa sorridere che gli uomini possano dire alle donne vai a fare la mamma. Io ho detto a Passera di ritirarsi dalla corsa a sindaco di Milano e di andare a fare il padre visto che gli è nato un figlio. Torniamo alle cose naturali. Io sono mamma, la gravidanza è un periodo meraviglioso, siamo più forti, siamo in due. Le contadine in Piemonte andavano nei campi, partorivano e poi tornavano a lavorare. Ma di che parliamo? Ci siamo resi conto che siamo nel 2016?”

Meloni e Salvini non sono traditori. “Meloni e Salvini –ha sottolineato Santanchè- non si sono comportati nella maniera migliore, però nella vita chi è che non sbaglia? A differenza di altri che sono passati dall’altra parte, non sono traditori. Stanno facendo un’altra partita. Al ballottaggio si può trovare un punto di sintesi, non drammatizziamo. Berlusconi è stato il più grande federatore di tutti i tempi, dobbiamo fermarci a ragionare per scrivere un manifesto politico. Si continua a parlare di persone, io vorrei parlare di contenuti politici. Agli italiani cosa gliene frega dei nomi? Sono pieni i cimiteri di persone indispensabili. Vorrei parlare prima di programmi, delle risposte da dare ai cittadini. La legge elettorale è stata cambiata, c’è il premio di lista e non di coalizione, a livello nazionale bisognerebbe fare un nuovo contenitore che ci veda uniti in maniera granitica su quelli che sono i problemi degli italiani da risolvere. Se sostengo Bertolaso? A parte che io voto a Milano, ma comunque non sostengo nessuno in questo momento. Faccio un appello a Berlusconi: ragioniamo, vediamo quello che possiamo fare, non possiamo dire chi se ne frega ognuno vada per il conto suo. Solo i cretini non cambiano idea. Non m’interessano i nomi. Il problema è che sono in atto nuovi posizionamenti, nuove leadership. La composizione di oggi non sarà quella di domani, cogliamo questa occasione per scrivere un manifesto e vedere se la pensiamo uguale sui temi dirimenti per l’Italia. L’inclusione da panico a me non interessa, io sono per l’esclusione. Quello che c’è oggi non funziona, fermiamoci e vediamo come ripartire. Se Bertolaso potesse saltare la competizione elettorale e sedersi in campidoglio sarebbe un sindaco strepitoso, però c’è un piccolo particolare: bisogna fare le elezioni e vincere, e così come fa a vincere? Per questo dico di ragionare su altro. Capisco le ragioni di Berlusconi, ma non si possono liquidare Meloni e Salvini come due ragazzotti. Hanno posizioni legittime. Non devono essere visti come nemici e come traditori. I traditori sono quelli che hanno dato il bottino dei voti a Renzi per avere il sedere al caldo sulla poltrona, penso ad Alfano. Verdini fa il suo, s’è inventato il patto del Nazareno, è l’unico legittimato a sostenere il governo. Io sto dalla parte di chi fa le cose in cui crede”.

Fonte: Radio Cusano Campus

loading...
loading...