10 dicembre 2016

Roma – Meloni: “Voto alla Raggi? Non mi sono iscritta al M5S. Lei e Giachetti due facce della stessa medaglia”

Giorgia Meloni, candidata sindaco a Roma per Fratelli d’Italia, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo le presunte dichiarazioni su un suo eventuale appoggio a Virginia Raggi in caso di ballottaggio M5S e Pd. “Praticamente è come se mi fossi iscritta al M5S, questo è il giornalismo italiano –ha affermato Meloni-. I giornalisti devono semplificare. Al momento escludo di votare qualcun altro al ballottaggio, se mi sono candidata è perché penso di arrivarci io al ballottaggio. Semmai mi chiedo con chi arriverò al ballottaggio. Tra l’altro, considero Giachetti e la Raggi due facce della stessa medaglia perché Pd e M5S sono entrambi di sinistra, lo sono nelle scelte fondamentali, come ad esempio sull’immigrazione. Mi troverei comunque in estrema difficoltà a votare un esponente della sinistra. Noi vogliamo ad occupare il campo avverso alla sinistra”.

Semplificare il quadro del centrodestra a Roma e a livello nazionale. “Si può trovare un modo qualunque per semplificare il quadro e non generare confusione –ha spiegato Meloni-. Più si confonde il quadro più diventa difficile per un elettore, anche qualora avesse un’identità politica chiara, capire qual è il modo migliore per affermare quell’identità politica. Dai sondaggi emerge che i candidati che hanno possibilità di vincere sono Raggi, Giachetti e Meloni quindi sono chiare le forze in campo. Tutti sanno che la partita più agevolmente per noi si gioca intorno alla mia candidatura, ma mi piacerebbe che gli altri ci dessero una mano per fare squadra insieme. Altrimenti, pur di avere il proprio momento di visibilità facendo crescere di zero virgola il proprio movimento, alla fine si fa il gioco degli avversari. Io favori a Renzi non ne voglio fare, voglio mandare a casa questo governo. Questi sono affamatori di italiani, stanno lì a fare i burattini delle lobby e gli interessi dei poteri forti. Chiunque voglia riprendersi la propria sovranità e i propri diritti deve aiutarci a mandarli a casa. E’ inevitabile che in queste elezioni amministrative c’è una posta in gioco molto alta: da una parte c’è il tema di restituire a Roma la sua dignità, dall’altra quella di combattere il governo nazionale. Per questo ho deciso di candidarmi nonostante la mia situazione. Penso che di fronte a sfide di questo tipo devi abbandonare le remore e metterti in gioco. Renzi si è sfregato le mani ritenendo che il centrodestra fosse fuori dai giochi e che se la giocassero solo Pd e M5S, e allora ho deciso di scendere in campo perché regali a Renzi non ne faccio. Ho fatto appelli affinchè si possa ritrovare un percorso comune all’interno del centrodestra. Ai cittadini non interessa chi detiene la leadership del centrodestra, il problema è chi governerà Roma nei prossimi 5 anni, su questo ci dobbiamo mettere d’accordo. Io e Salvini non siamo dei ragazzotti, io sono il presidente di un partito politico che ho fondato insieme ad altri folli come me, senza che nessuno ci desse una mano, non dobbiamo niente a nessuno. Quello che abbiamo lo dobbiamo agli italiani che ci seguono e che sanno che siamo all’opposizione del governo Renzi. Attenzione a non compromettere i risultati delle amministrative per delle impuntature, mi aspetto che anche gli altri mettano da parte i tatticismi e gli interessi di partito”.

L’ex sindaco Gianni Alemanno ha detto che Meloni non deve prendere troppo le distanze dall’esperienza della sua giunta. “E’ comprensibile che Alemanno difenda la sua amministrazione –ha affermato Meloni-, ma non può chiedere a me di farlo. Non me ne sono molto occupata. Quando Alemanno era sindaco sono stata in Campidoglio 4 volte. Deve capire il mio desiderio di fare il sindaco meglio di come lo si è fatto in passato”.

Il suo piano per Roma. “Immagino una Roma nella quale i cittadini inizino a credere che le cose possano cambiare –ha spiegato Meloni-. Se a Roma dilaga in questo modo la non curanza, il malaffare, la sporcizia, è perché a un certo punto, di fronte ad una classe dirigente che non è stata all’altezza, i romani hanno smesso di crederci e una città si rimette in piedi se ci credono i cittadini. Bisogna però dare il buon esempio, partendo dall’amministrazione. Cantone ha denunciato l’illegalità negli appalti del Comune di Roma, noi di Fratelli d’Italia avevamo fatto notare che con la giunta Marino erano aumentati gli affidamenti diretti alle cooperative sociali. Se si vogliono riprendere in mano le redini di questa città, si devono prendere per mano le persone responsabili e si vanno a stanare gli irresponsabili”.

In merito al suo quartiere. “La Garbatella –ha affermato Meloni- ha avuto la fortuna di essere un quartiere che è a un certo punto è diventato di moda grazie al film “Caro diario” di Nanni Moretti e a “I Cesaroni”. E’ esattamente questa la sfida che dobbiamo dare, far tornare di moda Roma. Bisogna valorizzare la storia di Roma facendola coincidere con la modernità. Roma è vista come una città antica, vecchia. Dobbiamo farla diventare una smart city. Ci sono degli interessi se i quotidiani di tutto il mondo stanno lì ogni giorno a fare le foto al degrado per sbatterle in home page. Perché Roma è una città che fa paura alle altre, che fa troppo concorrenza, per questo dicono che fa schifo anche oltre di quello che è. C’è un interesse dei nostri competitors, a cui non dobbiamo dare alibi”.

Sul suo stato di gravidanza e l’opinione del suo compagno. “Il mio compagno fortunatamente è nato in questo millennio –ha raccontato Meloni-, quindi mi ha detto: ‘fai quello che ritieni più giusto e io sarò comunque al tuo fianco’. Come direbbe qualunque uomo degno di questo nome. Mi ha dato molto fastidio che abbiano cercato di intervistarlo per fargli dire qualcosa contro di me e in qualche salotto buono della tv lo hanno redarguito dicendogli che doveva farmi rimanere a casa. Se è un uomo da sposare? Di solito la dichiarazione non la fanno le donne, ma gli uomini”.

Fonte: Radio Cusano Campus