6 dicembre 2016

Roma – Abrignani, ALA: “Dobbiamo ancora decidere chi appoggiare alle amministrative”

IGNAZIO ABRIGNANI POLITICO

Ignazio Abrignani, deputato di Ala, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulla situazione del centrodestra a Roma. “Sul caso di Roma dò la mia solidarietà a Berlusconi –ha affermato Abrignani-. Era stato trovato un accordo, c’erano state dichiarazioni abbastanza forti di Meloni e Salvini su Bertolaso. Non è che Berlusconi è impazzito, aveva ottenuto il favore degli altri due alleati sul nome di Bertolaso. Dalla parte della ragione c’è Berlusconi. Dopodichè c’è da fare una sintesi. Un centrodestra spaccato in questo modo, con 4 candidati, è come la storia famosa degli orazi e curiazi, se ti dividi perdi. FI si troverebbe isolata, per questo dovrebbe accomodare le cose nell’interesse del centrodestra”.

La posizione di Ala alle amministrative. “Ci dovremmo vedere subito dopo Pasqua per decidere la nostra posizione rispetto le amministrative –ha spiegato Abrignani-. Cercheremo di agire secondo coerenza. Se in questo momento appoggiamo Renzi, potrebbe esserci un’azione di simile coerenza. Non riusciamo a capire Ncd che a Napoli appoggia sinistra, a roma Marchini e a Milano il centrosinistra. Bertolaso è stato un ottimo capo della protezione civile, però Marchini rappresenterebbe di più una trasversalità, fuori dai partiti. A livello personale, per l’esordio che ha fatto, stimo molto Giachetti per quello che ha detto su olimpiadi, stadio e migranti. La mia però è una valutazione di natura personale. Andare a macchia di leopardo con Ncd non mi piacerebbe. Che faremo dopo questo governo? Abbiamo un obiettivo a medio termine che è quello del referendum, noi ci impegneremo su quello in maniera assoluta. Nel momento in cui dovesse cadere il referendum il nostro progetto sarebbe fallito. Da lì partiremo per capire se c’è l’esigenza di un partito che ricordi i moderati, riformisti che creino un centro su cui ragionare in prospettiva futura”.

Fonte: Radio Cusano Campus