8 dicembre 2016

Roma – Residenze Fittizie, Santori, FDI: “Camera di commercio scrive al consiglio notarile”

“Sulle residenze fittizie è ora di dire basta. Stavolta è stata la Camera di Commercio di Roma ad esprimere preoccupazione sull’uso improprio di questi indirizzi da parte d’imprese con scopi illeciti. Molte di quelle aziende che risultavano iscritte irregolarmente nel registro delle imprese sono state cancellate, eppure la confusione permane”. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere di Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale alla Regione Lazio che ricorda quanto sta accadendo solo nella città di Roma “Indirizzi fittizi utilizzati da 2500 imprese come sede legale della propria attività. Aziende e amministratori al di fuori di ogni controllo. Il risultato? Almeno 100 milioni di euro di multe e ingiunzioni di pagamento a fronte di 43mila cartelle esattoriali inviate, inutilmente, da Equitalia. Ma sta succedendo in tutta Italia”.   “A Roma i senzatetto sono circa 30mila e il Comune, nel 2002, ha creato ex novo alcuni indirizzi finti per consentire alle persone senza fissa dimora di avere dei documenti di identità e poter usufruire dell’assistenza sanitaria. Secondo una nota della Camera di Commercio inviata al Consiglio Notarile di Roma, Velletri e Civitavecchia, le residenze fittizie continuano ad essere tranquillamente usate in alcune tipologie di atti, in particolare nei trasferimenti d’azienda, dove vengono indicate come sede d’impresa, o sede dei titolari o dei legali rappresentanti. Questo la dice lunga sul fatto che il fenomeno sia ancora lontano dall’essere debellato, anche perchè qualcuno continua a lucrare in modo truffaldino su uno strumento nato con l’intento di garantire l’assistenza ai senza fissa dimora. Sono anni che denuncio il pericolo del sistema delle residenze fittizie e perché di fatto, quegli stessi domicili sono diventati negli anni anche la sede di migliaia di imprese, srl e cooperative che vanno dalla ristorazione, alle attività immobiliari e finanziarie, edilizie, commerciali di ogni genere, che così hanno potuto comodamente evadere le tasse, poiché i vari amministratori delle società sono, di fatto, irreperibili. Sono i cittadini onesti coloro che spesso finiscono nelle grinfie di imprese finte e dagli scopi illeciti. E’ importante che il Campidoglio cancelli questo sistema e che il Ministero dello Sviluppo Economico sorvegli e intervenga per debellare questa piaga, avviando, nel contempo, un’attività informativa per consentire ai cittadini di sfuggire ai tentativi di truffa”.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.