3 dicembre 2016

Calcio – I° Categoria, Nuova Virtus, torna il direttore sportivo Carnevale e in panchina c’è Serantoni!

Un nuovo importante cambiamento si è registrato all’interno della Nuova Virtus negli ultimi giorni. Alla fine della scorsa settimana si sono dimessi dalle rispettive cariche gli ormai ex co-presidente Giammario Zoffoli, il dg Mario Sabatino e il mister Sergio Damiani ed è tornato in sella lo “storico” il direttore sportivo Pasquale Carnevale. Il club dei presidenti Roberto Grossi, che proprio negli ultimi giorni ha avuto un problema di salute che ora è in via di risoluzione, e Enzo Bazzucchi ha quindi deciso di affidare la panchina a un volto storico del calcio marinese, vale a dire l’ex tecnico di Diana Nemi e Santa Maria delle Mole Enzo Serantoni, simpaticamente ribattezzato ai tempi “Penna bianca”. L’allenatore ha già esordito domenica scorsa sul campo della Virtus Divino Amore anche se l’esito non è stato fortunato per i marinesi che hanno perso per 2-0. «Ma tolti i primi venti minuti in cui tra l’altro Massullo ha avuto anche l’opportunità per portarci in vantaggio, la squadra non mi è dispiaciuta – dice proprio Carnevale – Mister Serantoni aveva fatto assieme ai ragazzi appena due allenamenti e non ha certo la bacchetta magica, ma è un allenatore di grande esperienza che ci potrà aiutare in questo finale di stagione: il nostro obiettivo è arrivare almeno alla quota dei 40 punti che avevamo “promesso” a inizio stagione anche se nelle ultime sette partite di campionato affronteremo le prime cinque della classe». Il diesse spiega i motivi del suo ritorno. «In precedenza erano state fatte scelte che non condividevo e così mi ero fatto da parte. Ora sono tornato perché Grossi e Bazzucchi me lo hanno chiesto». Nel prossimo turno la Nuova Virtus ospiterà la Virtus Nettuno. «Cercheremo di tornare a vincere in casa, visto che da tre turni non ci riusciamo. Ma non sarà facile perché ci troveremo di fronte una squadra solida che conta su tanti giocatori del posto e che quindi ha un grande senso di appartenenza. Ci vorrà grande grinta e concentrazione per portare a casa il risultato pieno» conclude Carnevale.