10 dicembre 2016

MotoGP – Losail, un super Iannone nelle libere del venerdì

Andrea Iannone, Ducati Team, è il più veloce delle libere del venerdì sul circuito di Losail. Il ducatista impone il suo miglior tempo nella seconda sessione della giornata, la terza del GP, che gli vale il primato anche in classifica combinata. Honda e Yamaha non resistono ai cavalli della Desmosedici numero 29 e sono dietro.

La FP3 della classe regina inizia con un Marc Marquez, team Repsol Honda, che prova con grande determinazione a spodestare dalla vetta il pilota di Vasto, già leader della FP2 e delle combinate. Ci riesce il suo compagno HRC Dani Pedrosa che con un bel passaggio sul tempo di 1:55.357s strappa a Iannone il primato temporaneo delle libere. Una notizia molto bella per il pilota di Sabadell in ombra nei test precampionato ma che ora dimostra di essere tra i protagonisti di questa stagione appena iniziata.

La classifica generale non cambia per i primi 20 minuti di FP3. A 18 minuti dalla fine escono Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, di Movistar Yamaha, provando a migliorare i propri tempi ma senza successo. Marc Marquez, sceso al quarto posto, ritorna terzo.

Iannone prende ancora la via della pista nel tantativo di migliorarsi ma nulla; è il turno di Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, che conquista il quarto posto con il tempo di 1.55.419s. Cinque piloti sono in 0.153s.

Cade Bradley Smith, Monster Yamaha, ma senza conseguenze; stessa sorte per Jack Miller di Estrella Gallicia 0.0 e Scott Redding, Ducati Octo Pramac.

Esce in pista Andrea Dovizioso, Ducati Team, e prova subito il suo giro veloce raggiungendo la vetta con il tempo di 1:55.239s; subito dopo ci prova anche Rossi ma il Dottore non sembra avere il passo delle moto di Borgo Panigale che fino a quel momento risultano imprendibili soprattutto sul lungo rettilineo del tracciato qatariota dove fanno registrare velocità di punta di circa 10 km/h in più rispetto agli altri prototipi. Questo necessariamente si riflette sul crono del giro secco.

Jorge Lorenzo si prepara a tentare l’assalto alla vetta della tabella tempi, esce dai box seguendo il compagno di scuderia. Il campione del mondo in carica dopo il giro preparatorio si butta nel lanciato e segna il primato con il tempo di 1:55.200s. Da qui inizia una sfida di vertice emozionate con Lorenzo che continua a migliorare fino a raggiugere un pauroso 1.54.776 e con Marquez che lo tallona al secondo posto con il tempo di 1:54.990s. I due piloti sono i primi a scendere sull’ 1 e 54s, un crono bassissimo e relativamente vicino al famoso 1:53.927s fatto con le Michelin da qualifica nel 2008 proprio dal maiorchino. Gli spagnoli però si devono arrendere alla Desmosedici di Iannone che sul rettilineo finale, lanciata a 350 km/h, strappa il primato delle FP3 e di tutte le libere alla Honda e alla Yamaha; 1:54.639s e per ‘The Maniac’ il primo tempo assoluto.

Rossi prova a spingere ma nulla, è ancora settimo con il tempo di 1:55.175s staccato dal ducatista di vertice di 0.536s. Davanti a lui Andrea Dovizioso che è quarto con il miglior tempo di 1:54.945, seguono a 0.031s Viñales e a 0.137s Pedrosa.

Hector Barbera (Avintia Racing), Scott Redding (Octo Pramac Yakhnich) è Pol Espargaro (Monster Yamaha Tech 3) completano la top ten che accederà direttamente alle Q2. Danilo Petrucci, Octo Pramac, è 14° accusando problemi alla mano infortunata in Australia durtante il precampionato.

Le qualifiche della classe regina inizieranno sabato alle 20:35 anticipate dalle FP4 alle 19:55, ore locali.

I tempo della FP3 possono essere visualizzati qui mentre quelli delle combinate a questo link. Tutti i piloti nella terza sessione hanno migliorato i loro corono.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.