7 dicembre 2016

Giallo Pavlov, il legale “Tutto lascia pensare che non fu suicidio”

Nuovi sviluppi sul caso di Madalina Pavlov, la 21enne romena morta in circostanze misteriose il 21 settembre 2012. Se ne è parlato in una puntata speciale de “La Storia Oscura” trasmissione curata e condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ). La ragazza precipitò dalla terrazza di uno stabile di 6 piani in via Bruno Buozzi a Reggio Calabria. In un primo momento il caso fu catalogato come “suicidio”, ma successivamente, questa ipotesi ha lasciato spazio a molti dubbi e incongruenze e si è fatta strada quindi l’ipotesi della caduta accidentale in seguito a una colluttazione o addirittura di un omicidio.

Il legale della famiglia Pavlov, l’Avvocato Antonio Petrongolo del Crime Analyst Team, ha spiegato che “sono emersi elementi importanti nell’indagine. E’ stata trovata una traccia di vernice sullo stivale, che sembrerebbe appartenere ad un colorante che viene solitamente utilizzato nella nautica. Stiamo presumendo che quella vernice sia riferibile ad un passaggio precedente all’evento in cui ha perso la vita, legato ad un sopralluogo fatto dalla Marina sulla spiaggia e pensiamo che possa appartenere a qualche imbarcazione che in quel momento poteva essere in stallo sulla spiaggia stessa. Ricordo che la spiaggia è a circa 150 metri dal luogo dell’evento. Questo si sposa con l’altro elemento, quello dei granelli di sabbia ritrovati sul corpo della vittima. Sono due elementi che camminano verso la stessa direzione. Ci confronteremo sugli ulteriori passaggi che intendiamo fare, perché non ci fermeremo qua. Stiamo setacciando a 360° tutte le conoscenze di Madalina”.

 

Fonte Radio Cusano Campus

Fonte fotografica Chi l’ha visto