5 dicembre 2016

“Chiesimo”, Gasparri furibondo: “È pieno di teste di c… che non hanno nulla da fare e guardano queste cose”

Il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, all'arrivo a Palazzo Grazioli per l'ufficio di presidenza presieduto dal premier Silvio Berlusconi, questo pomeriggio 01 giugno 2011 a Roma. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

 

Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Gasparri non si aspetta nessun passo indietro dai vari candidati a sindaco di Roma dell’area legata al centro destra: “Allo stato niente fa pensare che ciò possa accadere. Comunque Giorgia Meloni ha cambiato idea quattro volte, magari cambierà idea una quinta volta, ma al momento è improbabile. Chi considera Berlusconi politicamente morto lo sottovaluta e gli manca di rispetto, parliamo di una persona che ha fatto la storia della politica italiana e internazionale, basti pensare a quanto ha dichiarato Obama qualche giorno fa a proposito della Libia. E comunque Forza Italia è ancora una forza importante, se si vuole un centrodestra che stia in campo per vincere e governare. A meno che non si voglifare un aggregato oltranzista come accade in altre parti d’Europa destinato comunque a perdere. E’ un grave errore, poi, usare le elezioni amministrative per il Comune di Roma, per cercare di valutare il proprio peso nel centrodestra. Questo non è un congresso, bisogna mettere al centro del proprio pensiero i cittadini romani. Nella Capitale ci sono tante emergenze, Bertolaso è stato chiamato per questo.  Giorgia Meloni, quando le abbiamo chiesto di candidarsi, ci ha risposto sempre in maniera molto ferma parlando delle sue responsabilità di madre. Bertolaso non ha mai voluto offenderla, la Meloni a febbraio ha risposto a tanti di noi sia a voce che per iscritto esigendo che si rispettasse il suo stato. Bertolaso non voleva offenderla, tutto viene montato in modo strumentale.

Gasparri, poi, ha letteralmente sbottato quando si è parlato dell’errore grammaticale apparso ieri sul suo profilo twitter. “Chiesimo? Non l’ho scritto io, ma una ragazza del mio staff che stava seguendo una diretta televisiva.. Che dovrei fare, lapidarla per un errore di battitura? Chi specula queste cose è un imbecille. Sono degli imbecilli. La mia collaboratrice ha sbagliato, che devo fare? Le teste di cazzo che fanno speculazione su questi errori sono degli imbecilli, questa è autentica di Gasparri. Non licenzio la mia collaboratrice, licenzio le teste di cazzo che perdono tempo inutilmente sulla rete dietro a queste cose. Io non scrivo ‘chiesimo’, non dico ‘chiesimo’, come le teste di cazzo che non sanno neanche leggere. Il mio profilo su Twetter è oggetto di una particolare attenzione? Perché sono delle teste di cazzo incapaci di esistere, esistono solo nella misura in cui criticano me. Sono dei frustrati e dei tossici. Sono dei tossici, devono uscire dalla droga, contatterò delle comunità terapeutiche con le quali ho tanti rapporti per assistere persone che devono uscire dalla droga farli aiutare. Adesso mi raccoglierò tutto questo elenco di teste di cazzo, ma non licenzierò una ragazza che ha sbagliato a scrivere una parola. Auguro a queste bacate di rivelarsi tali nella vita.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast?prog=1517&dl=7370

Fonte: Radio Cusano Campus