5 dicembre 2016

Andrea Cassetta, il rock noir dei fiori del male, “ Dove i Pesci affogano”

Andrea Cassetta è autodidatta: ha iniziato da piccolissimo a suonare la chitarra, ha  preso lezioni di canto e di  batteria, il suo grande amore. Le sue prime esperienze sono in una band come bassista e batterista. Poi comincia a scrivere i brani delle sue canzoni, poi la trafila per emergere, durissima. Video-diari, quotidiano che trasborda, autobiografia, tutto per  far arrivare a chi vede chi è la persona dietro l’artista: cercare, sperimentare “senza paletti” afferma Andrea. Gli artisti musicali che lo hanno ispirato sono molti: dai Pink Floyd, passando attraverso i R.E.M, con innamoramento per  Michael Jackson e Paul McCartney, impressionato, come molti artisti suoi coetanei, dalla morte suicida,  avvenuta nel 1994, del sacerdote della musica grunge Kurt Cobain, leader dei Nirvana fino ai  Litfiba, nonché  Ligabue.

Di essi, purtuttavìa, ne restano pochi echi interiori, poiché l’urgenza è di farsi da solo, e di creare uno stile originale, per non essere trascinati da correnti estranee e soprattutto, da logiche di mercato. Ecco perché sceglie di essere  multistrumentista, arrangiatore, produttore, videomaker, frontman, curatore di  colonne sonore  (come per il  film “Fate come noi” di Francesco Apolloni, distribuito dall’Istituto Luce, nel 2004, con i brani “Closed In a Cage”, ” Inside Your Hell” e “Mrs Insanity) nonché cantautore. A tale proposito il primo  album pubblicato da Andrea Cassetta “Vorrei essere come te” è scritto, arrangiato e mixato da lui: canta, suona il basso e la batteria ( ricordiamo nel  2011 esce il singolo “Pure Alcohol”, nel 2012 arriva “I Want To Be Like You”).Ebbene, oggi, la summa poetica, emersa dopo alcuni periodi di riflessione, è “Dove i Pesci Affogano” : una trilogia,  composta da tre EP e relativi tre cortometraggi, che lui stesso dichiara far parte di  un progetto “folle”. Andrea Cassetta vuol essere puro e duro. Durissimo! La gradazione del clima va dall’esistenzialismo ( si direbbe così se non fosse un termine così distante) all’ orrifico, spaventoso ( non meno di quello che nella tradizione classica si ritrova nelle tragedie classiche, dove le madri si cibano dei figli).

Dunque niente mezzi termini e facili  “exit strategy”. La violenza delle immagini esplicitate chiaramente dall’autore con un ”Qui ci sono immagini forti” sono un ‘avvertenza, un avviso ai naviganti.
L’onda d’urto, nella visone, produce un effetto shock tale che la musica, non trovando una  via naturale  per esprimersi, cede strutturalmente ad una logica “perversa”, in senso stretto, cambiando il proprio verso. Ciò determina una doppia visione, dall’esterno, dell ‘artista Andrea Cassetta, della sua  poetica: il musicista da una parte e ciò che del musicista e compositore, resta nell’opera in video. Poichè non si tratta “solo” di un video musicale (ne vediamo a centinaia) ma di un’ opera che tutto vuole includere in sé.

Ma la musica ? “Dove i pesci affogano” contiene, tra le altre, le canzoni :”Ostaggi della realtà”, “Le rive della desolazione”, “Ossigeno O2”, Dammi ancora un attimo’ che chiude l’EP.

Qui, si  rasenta il rock ossessivo, martellante, si sfiora l’ horror ( che  non si è fatto,  purtroppo,  “manifesto” del film rock, come  in  “The Rocky Horror  Picture Show”). Qui, la lirica di Andrea è ostaggio del mal di vivere, della follia claustrofobica che rimpiange il passato.

Qui siamo ai prodotti della mente di Andrea che, scaraventati nel vuoto, distolgono l’attenzione dal talento (Piero Pelù ha dichiarato: ”L’artista di Dove i Pesci affogano è  un artista con testi interessanti”) disposti come all’arrembaggio.

Dunque l’inconscio, nominato,e titolo di un EP, è  rappresentazione posticcia di una pseudo “nomeclatura freudiana”(purtroppo in voga). Nel video titolato “Capitolo 2 L’inconscio” si tenta di edulcorare l’inferno, con immagini di una non ben precisata religione orientale. Nessuna edulcorazione! Andiamo fino in fondo! Dichiariamo tutto quel che siamo. Duri e puri!

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 59 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.