9 dicembre 2016

I° Municipio – Strade, Santori: “Sampietrini ricoperti di asfalto, a Roma girano ancora i Totò truffa”

“La manutenzione dei sampietrini così come è fatta oggi non può andare. E’ inaccettabile che in luoghi importanti, come via Nazionale, vengano sistemate alla bell’e meglio parti di manto sconnesso rimuovendo i sampietrini e gettando una pozzanghera di asfalto al loro posto, regalando a turisti e residenti uno spettacolo finale indecente. Lo stesso a Via Pigorini nei pressi di Piazza Bologna cumuli di sampietrini divelti giacciono al ciglio della strada. Numerose altre vie del rione Monti sono oggetto dell’inesistente o addirittura dannosa manutenzione. Curare la manutenzione oggi significa non essere costretti a rimetterci le mani domani, significa anche saper valorizzare l’esistente e tutelare la bellezza delle nostre piazze. Per questo è necessario intensificare i controlli quando vengono effettuati i lavori, perchè è inaccettabile che dopo poche settimane dalla messa in opera, piazze e vie importanti e trafficate della nostra città siano di nuovo sfigurate. Un esempio per tutti è rappresentato da piazza della Repubblica, rimessa a posto pochi mesi fa e di nuovo con parti di manto irregolare”. Lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale.

“I sampietrini fanno parte del patrimonio storico e paesaggistico della Capitale e devono rimanere al loro posto. Ho scoperto che l’ex sindaco Marino tentò in maniera scellerata di vendere i sampietrini, ma non ci riuscì. E non parliamo di Tototruffa 62, quando Toto, interpretando il Cavalier Antonio Trevi, vendeva al signor Decio Cavallo la fontana di Trevi realizzata dal Bernini. In realtà l’amministrazione capitolina avviò le procedure di consultazione per capire se era possibile portare avanti l’operazione di dismissione, ma non riuscì perché bloccato da un parere del presidente dell’Autorità Anticorruzione ANAC Raffaele Cantone che segnalava che “i beni mobili e i materiali di demolizione degli immobili non potevano sostituire il pagamento del prezzo in un appalto” e ancora “occorrerà evidentemente considerare il rilievo storico, architettonico e culturale dei beni in parola, la cui eventuale alienazione ricadrebbe nell’ambito disciplinato dal Codice dei beni culturali e del paesaggio”. Per la serie facciamo la manutenzione stradale vendendoci i gioielli di famiglia. A tal proposito rinnovo l’auspicio che la Procura della Repubblica apra immediatamente un’indagine sui sampietrini che spariscono dalle nostre strade così come ampiamente documentato all’interno del mio esposto depositato a piazzale Clodio qualche mese fa” conclude Santori.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.