9 dicembre 2016

Acqua pubblica, On. Pellegrino, Sinistra Italiana: “Mi sono sentita derubata, ecco perchè sono uscita dalla Commissione in lacrime”

L’On. Serena Pellegrino di Sinistra Italiana, vice presidente della Commissione Ambiente alla Camera, è intervenuta ai microfoni della trasmissione ‘Ho scelto Cusano’, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

La Commissione Ambiente della Camera ha approvato l’emendamento del Pd alla proposta di legge che, a cinque anni dal referendum sull’acqua pubblica, recepiva l’esito di quella consultazione: la proposta di modifica dem prevede la soppressione dell’articolo 6 del testo che definiva il servizio idrico integrato quale servizio pubblico locale privo di rilevanza economica e ne disponeva l’affidamento esclusivo a enti di diritto pubblico. Gli esponenti di Sinistra Italiana Serena Pellegrino e Filiberto Zaratti hanno abbandonato i lavori in corso alla Commissione Ambiente per protestare contro l’atteggiamento della maggioranza, definito arrogante. “Ieri abbiamo abbandonato la Commissione perché è stata radicalmente stravolta la legge così come scritta e voluta dall’intergruppo parlamentare di concerto con i Forum per l’acqua –ha spiegato Pellegrino-. Scrivere questa legge è stata un’operazione meravigliosa, l’abbiamo depositata nel 2014, per due anni non abbiamo avuto nessun sentore che questa legge avrebbe potuto essere stravolta. Il Pd non ha presentato una legge propria da poter abbinare a questa legge e quindi pensavamo che, essendo stata sottoscritta anche da molti parlamentari dem, fosse una proposta di legge concertata. Abbiamo presentato emendamenti che vanificavano la 133 ovvero lo Sblocca Italia, mentre il Pd ha presentato emendamenti che hanno scardinato radicalmente l’impianto della legge, hanno di fatto scritto un’altra legge. Questa nuova legge scritta da loro rappresenta la concezione che ha il Pd di società per azioni o società pubblica spa. Non si può pensare di fare profitto con l’acqua e con la sua gestione. Me ne sono andata dalla Commissione piangendo perché ci siamo battuti per tantissimo tempo per il referendum e poi per questa legge. Io non sono un politico di professione e quindi non ho il pelo sullo stomaco. Quando ho visto smontare questa legge per cui ci eravamo tanto battuti mi sono sentita derubata, come tutti i cittadini”.

Fonte: Radio Cusano Campus