4 dicembre 2016

Sanità, Di Maio: “A Campobasso folle progetto per la privatizzazione dell’ospedale Cardarelli”

“Per rendere efficiente la sanità pubblica in Italia bisogna cominciare dalla scuola, con una corretta educazione alimentare e allo sport, e parallelamente bisogna avviare una massiccia riduzione delle fonti di inquinamento.

Dobbiamo ridurre le possibilità che un cittadino si trasformarsi in un paziente. Ciò non toglie che chi ha bisogno di curarsi debba trovare strutture dello Stato funzionanti ed accessibili. Dobbiamo difendere la nostra sanità pubblica. O meglio, quello che ne resta.

Per anni il Pd e Forza Italia hanno incassato finanziamenti da cliniche e centri privati, e poi hanno dovuto ricambiare il favore quando sono saliti al governo, massacrando gli ospedali pubblici per lasciare il passo a quelli dei loro amici.

In Italia esisterà sempre una sanità privata, ma questa deve essere complementare a quella dello Stato. Il problema, invece, è che ormai ci sono Regioni in cui il privato si è sostituito al pubblico, facendo aumentare i fenomeni di corruzione (vedi le tangenti e le mazzette nascoste nel frigorifero della Lega) e soprattutto i costi e i disservizi per il paziente.

Non è un caso. È un piano preciso per aiutare i soliti “prenditori” italiani. In Molise, nel silenzio dei media, stanno fabbricando un vero e proprio Frankenstein della sanità, che poi esporteranno in tutto il resto del Paese.

Sabato pomeriggio – insieme ad Andrea Cecconi e ai Consiglieri Regionali del MoVimento 5 Stelle Molise – accenderemo i riflettori su questa vergogna. Faremo prima un’ispezione all’ospedale Cardarelli di Campobasso, dove il Governatore del Molise (Pd) ha in mente un folle progetto di privatizzazione di interi settori, e poi terremo un evento pubblico all’auditorium del Liceo Classico “Mario Pagano” di Campobasso alle 17:30. Unitevi a noi!”

Così in una nota Luigi Di Maio

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5942 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.