5 dicembre 2016

Motomondiale – La prima conferenza stampa del 2016

Italian MotoGP rider Valentino Rossi (R) of the Movistar Yamaha team talks with Spanish Marc Marquez (L) of the Repsol Honda team, during a press conference held at Motorland circuit, in Alcaniz, Teruel, northern Spain, 25 September 2014. The Motorcycling Grand Prix of Aragon will take place at the Motorland circuit on 28 September 2014. EFE/ANDREU DALMAU

Gli attimi prima della conferenza stampa del GP del Qatar, la prima in apertura della stagione 2016, sono palpitanti e tesi. Rappresentano quello che quest’anno sarà il Campionato del Mondo MotoGP™. Tirato e spettacolare, con tanti piloti pronti a vincere. Sul palco sei piloti tra cui i primi cinque classificati del 2015, la concentrazione di tutti è grande.

Jorge Lorenzo del team Movistar Yamaha è al centro; il campione del mondo in carica è affiancato dal compagno di box e rivale Valentino Rossi, arrivato secondo in campionato; dall’altra parte Marc Marquez, team Repsol Honda e terzo in classifica iridata del 2015. Lateralmente Dani Pedrosa, anche lui pilota HRC e quarto l’anno scorso; Andrea Iannone, il quarto del team Ducati divide gli opposti lati del palco con Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, la rivelazione della precampionato.

Il primo a rispondere alle domande dei giornalisti è Jorge Lorenzo che commenta le novità tecniche introdotte per il 2016 come centralina, software unico e le gomme Michelin: “Tante novità che potrebbero rendere la stagione più complicata e anche più agguerrita. La pre-season è stata molto favorevole a me e al mio box; in tutti e tre i test ho trovato un bel feeling con la moto e anche dei bei tempi sul giro. Per il momento devo lavorare per trovare una condizione ancora migliore. L’anno scorso sono divento campione, è vero, è importante ma ora guardo avanti”.

Valentino Rossi, il vice campione: “Credo che questo anno sarà interessante, ci sono molte differenze per le moto. Tanto è cambiato, le gomme e la centralina, un salto che ha reso tutto molto interessante. Durante la stagione invernale il numero dei piloti più veloci è aumentato. Personalmente sono molto soddisfatto; abbiamo fatto progressi e lavorato tanto in Giappone, in casa del costruttore sui dati dei test. La nostra moto è stata competitiva e bella da guidare. I test sono importanti ma la gara è lo è di più, ora dobbiamo capire dove siamo realmente rispetto agli altri”.

Marc Marquez, il terzo in campionato nel 2015: “Tutte le scuderie sono migliorate, non dobbiamo distrarci e trovare le motivazioni per fare ancora bene. Tanti team sono competitivi adesso e credo che faremo bene anche noi. I tempi sul giro sono stretti e in Qatar forse non saremo al meglio ma dall’Argentina vedremo anche la Honda dire la sua. Ducati e Suzuki sono migliorate tanto, non solo Yamaha, noi lavoriamo sodo e vedremo dove possiamo arrivare”.

I tre protagonisti principali della scorsa stagione sembrano tranquilli di poter raggiungere la condizione migliore. Giù dal podio iridato i commenti sono di altro spessore con un po’ di amarezza o all’opposto di grande speranza.

Dani Pedrosa, parla della stagione difficile e dei test iniziali del 2016 bui ma è speranzoso: “Credo di riuscire a chiudere il gap o quanto meno provarci, essere più veloce e avere più motivazione; so che non è la nostra condizione migliore quella vista negli ultimi test, ma spero di fare meglio. Penso che le modifiche introdotte abbiano inciso molto e spero di lavorare bene, specialmente sulla gomma anteriore. Sono ottimista perché abbiamo fatto buoni passi in avanti”.

Parlano le due possibili rivelazioni della stagione 2016, l’anno scorso già vicini ai migliori.

Andrea Iannone: “Tutto nuovo partendo dal prototipo. Ma sono contento, ho avuto un grande feeling con le novità pur con qualche problema iniziale in Australia e in Malesia, abbiamo lavorato passo dopo passo e risolto i problemi dandoci la possibilità di fare ancora meglio. Sarà difficile perché tutti sono forti, il mio obiettivo è migliorare e lottare al massimo fino alla fine”.

Maverick Viñales, la rivelazione dei test iniziali 2016: “Abbiamo fatto grandi miglioramenti, queste prove precampionato sono state una bella esperienza. Mi sono trovato bene con le novità e con la nostra nuova specifica tecnica, il cambio a innesti totalmente continui. Per il primo GP, domenica, voglio essere motivato e calmo, pronto a fare bene. Sul giro siamo veloci ma la gara è altra cosa. Sogno di combattere con i migliori ma sono realista e voglio portare la mia moto più in alto possibile”.

Adesso è giunto il tempo della pista, della sfida vera. Le prove libere a Losail inizieranno alle 19:55 di giovedì, ora locale, dopo la tradizionale foto del “primo giorno” alle 14:55.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.